Calabria7

Banda di ladri d’auto sgominata dai carabinieri in Calabria, tre arresti (VIDEO)

ladri auto crotone

I carabinieri delle Compagnie di Petilia Policastro e Cirò Marina hanno arrestato B. S., 53enne, carrozziere, petilino; F. S. I., 33enne, catanese, ma residente a Cotronei, disoccupato, e M. M. E., 44enne, polacca, residente a Caccuri. Dovranno rispondere di furto aggravato e riciclaggio, commessi in concorso tra loro.

Provano a fuggire ma vengono bloccati dai carabinieri

In particolare, il proprietario di una Fiat Panda ha allertato i carabinieri per il furto della stessa da parte di due malviventi. Le indicazioni fornite dalla vittima hanno consentito di ricostruire il tragitto dei malfattori, i quali, dopo aver perpetrato il furto a Cirò Marina, si sono dapprima spostati in direzione Crotone, sulla Strada statale 106, abbandonando il mezzo rubato e salendo a bordo di una Fiat Punto, risultata essere in uso a B. S., ma, nella circostanza, condotta da M. M. E., con la quale hanno cercato di dileguarsi, imboccando la Strada statale 107 in direzione Cosenza e raggiungendo la località Campodenaro di Caccuri. Ed è proprio qui che i carabinieri li hanno bloccati.

Il materiale trovato dai militari

I successivi accertamenti condotti dai militari dei Reparti intervenuti hanno permesso di rinvenire nell’autovettura usata per la fuga dai malviventi numerosi strumenti di effrazione e due centraline elettroniche per la codificazione delle autovetture. All’interno del garage dell’abitazione in uso a M. M. E., inoltre trovata una Fiat Punto di colore nero di provenienza illecita, alcune targhe automobilistiche riferite a una sua precedente immatricolazione e un’ulteriore centralina per la codificazione di autoveicoli. Dentro i locali adibiti ad autofficina riconducibili a B. S., rinvenute altre sette autovetture, perlopiù Fiat, di provenienza illecita, sulle quali sono ancora in corso più approfonditi accertamenti per stabilirne la provenienza.

I tre sono finiti ai domiciliari

Al termine degli accertamenti di rito, i tre presunti malviventi sono stati tratti in arresto per furto aggravato e riciclaggio in concorso, venendo condotti presso le loro rispettive abitazioni in regime di detenzione domiciliare e in attesa dell’odierno svolgimento del processo con il rito direttissimo.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Crotone, evade dagli arresti domiciliari. Arrestato.

manfredi

Mette i soldi nel vino per corrompere dirigente Aterp, chiesto il giudizio per un imprenditore

manfredi

Sistemazione agraria trasformata in cava abusiva, denunce nel Catanzarese

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content