Calabria7

Bari-Reggina, un Monday Night da urlo

Di Vincenzo Imperitura – Stasera si fa sul serio: archiviate (con 7 punti) le prime tre giornate, la Reggina torna in campo a Bari per un monday night che meriterebbe altri palcoscenici. Primo esame importante per la squadra di Mimmo Toscano che al San Nicola ci arriva con la giusta carica di entusiasmo e con la consapevolezza che in un torneo strano come quello di quest’anno (tante squadre attrezzate per il salto in serie b, tutte agguerrite e tutte con un pubblico importante) non bisogna mai farsi trovare impreparati. Il Bari è partito con il freno a mano un po’ tirato sul piano del gioco, ma in campo ci va una formazione stellare che farebbe felici tante piazze della categoria superiore.

L’attesa è alta e da Reggio c’è stata una buona risposta (considerato che si gioca in un giorno settimanale): complice il trentennale gemellaggio tra le due tifoserie potrebbero essere 500 i tifosi amaranto sugli spalti di un San Nicola in cui si prevedono almeno 10 mila spettatori. In campo invece il tecnico Toscano, vista la caratura dell’avversario, potrebbe tornare almeno inizialmente, al 3-5-2 rinunciando al trequartista. Scalpita El Tanque Denis che stasera potrebbe fare il proprio esordio da titolare dopo la positiva mezzoretta di domenica scorsa. Ma più del singolo, stasera l’importante sarà confermare quanto buono fatto finora sul piano dell’intensità e della compattezza: la cosa che più ha entusiasmato in questo primo scampolo di campionato è infatti la capacità dimostrata dagli amaranto di dimostrarsi squadra per tutti e 90 minuti. Se poi in rosa hai gente come Reginaldo, Bellomo e De Francesco tanto meglio. Stasera, in una partita che a pensarla di serie c sale il nervoso, si fa sul serio e la Reggina non deve distrarsi anche perché il resto del gruppo di testa ha iniziato a correre.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, varchi attivi a Gioia Tauro: sindaco chiude confini comunali

Andrea Marino

Vertenza Abramo Customer Care, salta la cessione: 3000 dipendenti in stato di agitazione

bruno mirante

Processo ‘Ndrangheta stragista”, boss Graviano ha deciso di non rispondere al pm

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content