Calabria7

“Basso Profilo”, il ruolo di Gigliotta e il sequestro del Mops

L’operazione “Basso Profilo”, che vede 81 persone indagate e 50 per cui sono state adottate diverse misure cautelari (dall’arresto al divieto di dimora), ha portato anche al sequestro del Mops, un noto locale del quartiere Lido di Catanzaro. Nelle accuse del pubblico ministero, infatti, viene evidenziato il ruolo del catanzarese Umberto Gigliotta, arrestato in carcere, socio del locale e, secondo la Dda, prestanome di Tommaso Trapasso, figlio del boss Giovanni Trapasso, appartenente alla locale di ‘ndrangheta di Steccato di Cutro riconducibile Mannolo. Sarebbe lui il reale proprietario del Mops.

 

LEGGI ANCHE Ironia della sorte per Gallo, da “intoccabile a Borderland” in carcere con “Basso Profilo”

LEGGI ANCHE “Basso Profilo”, la generosità di Gallo: 18 Rolex per Natale

LEGGI ANCHE Operazione “Basso Profilo”, da Talarico a Guglielmo: 50 misure cautelari (NOMI)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Serie C, Catanzaro chiude terzo: 6-3 al Trapani. La Vibonese ko

manfredi

Nuovo anno giudiziario, Introcaso: “Annus horribilis ma Catanzaro al top”

Giovanni Bevacqua

Appiccano fuoco e distruggono 3mila metri quadri di bosco: indagati 2 giovani

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content