Calabria7

Basso Profilo, la Cassazione non fa sconti: il finanziere in carcere e Glenda Giglio ai domiciliari

di Gabriella Passariello- Resta in carcere Alessandro D’Ercole, il finanziere, all’epoca dei fatti in servizio al Goa di Catanzaro, così come rimane agli arresti domiciliari l’imprenditrice Glenda Giglio, entrambi imputati nell’inchiesta Basso Profilo, con cui la Dda ha svelato le trame più nascoste tra ‘ndrangheta, politica e imprenditoria. La Corte di Cassazione ha bocciato i ricorsi degli avvocati difensori, confermando quanto disposto dal Tribunale del Riesame di Catanzaro e dal gip che ha emesso, su richiesta dei sostituti procuratori Paolo Sirleo e Veronica Calcagno, le misure cautelari. A nulla sono valse le tesi difensive dei legali di D’Alessandro, che risponde di associazione a delinquere finalizzata all’abuso di ufficio, corruzione, turbative d’asta aggravata dalla mafiosità, riciclaggio, reimpiego e autoriciclaccio,  emissioni di fatture per operazioni inesistenti, rivelazione del segreto di ufficio, accesso abusivo al sistema informatico. Per il Supremo collegio non corrisponde al vero il fatto che sia stato sottovalutato o trascurato il materiale indiziario, l’attività di intercettazione, che poneva l’attenzione  sulle conversazioni dalle quali si sarebbe compresa la volontà del finanziere di perseguire la criminalità, di non cedere a logiche mafiose e la sua inconsapevolezza alla vicinanza dell’imprenditore Antonio Gallo ad ambienti della criminalità organizzata.

“Le conversazioni disarmanti del finanziere”

Al contrario le conversazioni “sono disarmanti quanto ai contenuti e rivelano il pieno coinvolgimento del finanziere” negli affari di Gallo: “man mano che cresceva il rapporto confidenziale tra i due, creatosi in seguito al contatto con Tommaso Brutto e il figlio Saverio”, vi era una vera e propria messa a disposizione del finanziere “ai disegni mafiosi di Gallo”, di cui D’Alessandro sarebbe stato perfettamente consapevole. Il “movente dell’agire di D’Alessandro”, per la Cassazione è  ricostruito  dalle intercettazioni, che svelano lo scambio corruttivo con Gallo, funzionale all’inserimento del figlio del finanziere nell’affare in Albania, affare i cui proventi avrebbero indirettamente apportato benefici alle cosche vicine all’imprenditore. “L’attivismo in favore di Gallo, realizzatosi attraverso le rivelazioni di indagini a suo carico per l’ipotesi di riciclaggio di danaro a vantaggio della cosca Trapasso, la promessa di aiuto su queste indagini, il consiglio dato a Gallo di non usare i telefoni, vista la sua posizione ormai chiara di indagato, il pieno coinvolgimento nell’affare albanese e le prospettive di intervento per gli appalti in Albania riflettono un quadro desolante della pubblica funzione vissuta dal finanziere”.

“Giglio consapevole della caratura criminale di Gallo”

La Corte di Cassazione ha ritenuto il ricorso proposto nei confronti di Glenda Giglio, in parte infondato, in parte inammissibile. L’imprenditrice, che risponde di concorso esterno in associazione a delinquere finalizzata alla commissione di truffe, evasione fiscale, emissione di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio e autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori, reati aggravati dalla mafiosità, era responsabile, all’epoca dei fatti, degli acquisti e direttore tecnico dell’aeroporto di Lamezia, nonché dipendente di un istituto di vigilanza. Per la Suprema corte, a differenza di quanto argomentato dalla difesa, non può essere escluso né il concorso esterno nell’associazione, né tanto meno l’aggravante della mafiosità. Anzi. “Ci sono dati inconfutabili da cui si evince che la Giglio era a conoscenza della caratura criminale di Gallo”. Si sarebbe attivata a favore dell’associazione a delinquere diretta dall’imprenditore in almeno due occasioni: per assicurare la “bonifica” degli uffici dell’impresa di Gallo sottoposta ad indagine da parte della Finanza, fornendo la strumentazione tecnica necessaria per individuare cimici e microspie e per favorire la creazione delle compagini societarie attraverso cui l’organizzazione criminale realizzava i propri fini illeciti.

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, la Cassazione ordina l’immediata liberazione dei Brutto

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, chiesti 8 anni per l’assessore Talarico e 6 per il notaio Guglielmo (NOMI)

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, le mazzette di Gallo a Grande Aracri: “il 7% per ogni appalto”

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, gli affari di Gigliotta con i Gaglianesi e i Trapasso nella nuova informativa della Dia

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, si aggrava la posizione di Gigliotta: i pm muovono nuove contestazioni

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, Talarico e il nipote del prete raccomandato per superare gli esami a Catanzaro

LEGGI ANCHE | Maxi blitz “Basso Profilo”, la Dda di Catanzaro chiede il processo per 78 imputati (NOMI)

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il sistema delle truffe a Catanzaro e il ruolo dell’imprenditore Gigliotta

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, altri guai per i Brutto: denunciati per evasione dai domiciliari

LEGGI ANCHE | Voti in cambio di appalti, il ruolo dei Brutto a sostegno dell’Udc e l’imprenditore al servizio del clan

LEGGI ANCHE | Atti falsi per intestare società a teste di legno: “il notaio Guglielmo deve chiudere un occhio”

LEGGI ANCHE | Dall’aeroporto di Crotone al Pugliese di Catanzaro, gli appalti del “principino” nel mirino della Dda

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il notaio Guglielmo al Riesame. La difesa presenta un dossier

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il Riesame sul notaio Guglielmo: “Nuove conversazioni smontano le accuse”

LEGGI. ANCHE | “Basso Profilo”, il decreto di intercettazione che inguaia politici e imprenditori

LEGGI ANCHE | “Basso Profilo”, le spie dell’imprenditore Gallo all’interno della polizia giudiziaria

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il Riesame sui Brutto: “Cerniera tra corrotto e corruttore. Privi di scrupoli

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il notaio Rocco Guglielmo può tornare a lavorare

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, le assunzioni fittizie a spese del Comune: “Sono stato il più scaltro”

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, le soffiate del finanziere al consigliere di Catanzaro: da Farmaeko alla Verdeoro

LEGGI ANCHE | Operazione Basso Profilo, da Talarico a Guglielmo: 50 misure cautelari (NOMI)

LEGGI ANCHE | Basso Profilo di Gallo tracciato dai pentiti: ” ‘ndranghetista senza battesimo”

LEGGI ANCHE | Gli atti inediti di Basso Profilo, gli appalti facili a Gallo e la “mazzetta” a Talarico

LEGGI ANCHE | Non era sua la voce intercettata: incubo finito per l’ex assessore arrestato ingiustamente

LEGGI ANCHE | Ironia della sorte per Gallo, da intoccabile a “Borderland” in carcere con “Basso Profilo”

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, Gratteri: “Ecco il patto tra ‘ndrangheta, imprenditoria e politica”

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, il massone catanzarese al servizio dell’imprenditore Gigliotta

LEGGI ANCHE | Basso Profilo, la loggia massonica Pasquale Saraco: “Abbiamo espulso Marinaro”

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Test di medicina. Proteste all’Unical contro il numero chiuso

Maurizio Santoro

Perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada a Lamezia. Madre e figlio in ospedale

Damiana Riverso

Coronavirus, a Soverato sale ancora il numero dei casi positivi

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content