Bausone: “Pd Catanzaro si sveglia dal sonno solo in vista delle regionali”

“Tutta la magia di una fiaba trasmigrata in politica. Basta l’avvicinarsi delle elezioni regionali e il PD di Catanzaro si sveglia, a comando, dal sonno profondo in cui, per convenienza e per diktat extraprovinciali, era stato rilegato”. Lo afferma in una nota Alessia Bausone del Partito Democratico.

“La faccio più semplice del solito, perchè lo è: il segretario Gianluca Cuda ha sostenuto una mozione al congresso nazionale del PD differente da quella di Mario Oliverio e non è a favore della sua ri-candidatura e, siccome, il PD rimane un giocattolo in mano a pochi oligarchi, l’impostazione dell’ex Sindaco di Pianopoli, non essendo autorizzata, va cancellata dallo scenario.

“La faccio più semplice del solito, perchè lo è: il segretario Gianluca Cuda ha sostenuto una mozione al congresso nazionale del PD differente da quella di Mario Oliverio e non è a favore della sua ri-candidatura e, siccome, il PD rimane un giocattolo in mano a pochi oligarchi, l’impostazione dell’ex Sindaco di Pianopoli, non essendo autorizzata, va cancellata dallo scenario.

Come? Mettendo in campo tutta l’ipocrisia alla Michele Drosi che pochi altri posseggono. Già, perchè da un anno e mezzo denuncio le balle spaziali di un segretario provinciale eletto (nominato) con tessere false perchè aveva il benestare di questo notabilato partitico in decadenza che oggi si riesuma per mandarlo a casa.

La risposta alle mie critiche è sempre stata l’omertà e qualche alzata di spalluccia, mai un confronto politico serio perchè nel PD di Catanzaro, è chiaro, non c’è alcuna agibilità politica.

Ho sempre denunciato il vuoto politico (“Pd come una scatola vuota”) e la mancata costituzione di una segreteria provinciale, la commissione provinciale di garanzia gestita in modo clownesco e un’assemblea provinciale (unico organo che può sfiduciare il segretario) dalla composizione oscura e mai convocata seriamente.

Ma, si badi, la convocazione dell’assemblea spetta al Presidente del Partito, cioè a Michele Drosi e non a Gianluca Cuda.

Ecco perchè quest’ultimo è la punta dell’icebearg della risibile situazione di stallo a cui si è arrivati perchè personaggi eterodiretti attendevano inermi sms da qualche alto piano della cittadella.

Tra le varie firme di “rivolta” contro Cuda spunta anche quella di Angela Robbe, che in teoria dovrebbe svolgere il suo ruolo di assessora di una (costosa) giunta tecnica e non entrare nelle beghe e nel farwest di Partito, ma oramai è un tana libera tutti e i roboanti comunicati e le dichiarazioni del passato non fanno più testo perchè la credibilità in epoca pre-elettorale è un lusso che cede il passo al sogno delle fiabe che i più ci vorranno raccontare”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tra le attrazioni, la sfilata delle mascherine, musica, performance, il raduno dei giganti e il carro allegorico
La droga era nascosta in uno spazio ad uso comune dei detenuti e presso una camera detentiva dell’Istituto
Arrivano le triennali in “Scienze e tecnologie per le attività motorie e sportive”, “Ingegneria biomedica” e la magistrale in “Lingue, traduzione e comunicazione internazionale”
il retroscena
Le massime autorità civili, militari e religiose hanno disertato l’evento. Ecco chi ha occupato le prime tre file tra omaggi, posti riservati e corsie preferenziali  
L'uomo descrive i fatti in una lettera indirizzata al sindaco del Comune catanzarese, chiedendo immediati provvedimenti e la sospensione del vigile
Inutili gli interventi in emergenza e urgenza per salvare la giovane donna. Il suo piccolo è ricoverato in prognosi riservata
Raccolte le firme necessarie per candidarsi a "dare una mano ad Antonio Tajani alla guida del partito". Smentita ancora l'ipotesi europee
Il magistrato ha invocato ai giudici della Corte di assise appello di Catanzaro il riconoscimento della mafiosità esclusa in primo grado
La struttura è nuovamente monitorata da tutti e sedici i punti di osservazione. L'assessore Giordano: "Prima risposta in attesa che sia fatta luce"
Le forze dell'ordine hanno individuato l'autore di una serie di molestie e tra queste quella all'ex segretario della Camera di Commercio Calvetta
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved