Berlusconi Show, gli audio su Putin e Meloni scatenano una tempesta nel Centrodestra

Il Cavaliere: "I ministri russi hanno detto che siamo già in guerra con loro perché forniamo armi e finanziamenti all'Ucraina"
Berlusconi audio

Prima annuncia un accordo per affidare il ministero della Giustizia a Elisabetta Casellati, mentre l’idea di Giorgia Meloni è Carlo Nordio. Poi rivendica di aver “riallacciato, un po’ tanto, i rapporti con Putin”, aggiungendo che l’ingresso dell’Ucraina nella Nato potrebbe significare “guerra mondiale”. Silvio Berlusconi si prende la scena e scatena un terremoto sotto i piedi di un governo che la leader di Fratelli d’Italia, a fatica, sta cercando di far nascere, rischiando un pericolosissimo strappo. Anche perché il nuovo esecutivo dovrebbe avere una matrice dichiaratamente atlantista, incarnata proprio da un ministro di Forza Italia, Antonio Tajani, finora destinato agli Esteri.

L’opposizione affonda il colpo

L’opposizione affonda il colpo

La maggioranza si scompone, l’opposizione affonda il colpo. “L’unica cosa che può fare in più Berlusconi per non far nascere questo governo è mettere una bomba a via della Scrofa”. Questa la sintesi ironica del leader di Azione Carlo Calenda, più o meno mentre il Cavaliere a fine pomeriggio posta su Facebook la foto del bacio della compagna Marta Fascina in una gelateria di Roma. A fine giornata, molti suoi stretti collaboratori si mettono le mani nei capelli scorrendo i titoli delle agenzie.

Dentro FI c’è chi vive con un certo imbarazzo una situazione che già si era complicata la settimana scorsa con il caso di Licia Ronzulli, fuori dal governo ma eletta capogruppo al Senato (quello alla Camera è Alessandro Cattaneo). Tajani nel pomeriggio diserta un convegno dove era atteso. E il clima è ancora più pesante negli uffici dove Meloni ha trascorso la giornata al lavoro, fra stupore e preoccupazione all’escalation di interventi di Berlusconi, di fronte al quale la leader si trincera dietro un “freddo silenzio”. Che si affianca a quello di Salvini e della Lega.

La tregua

La tregua, siglata neanche ventiquattro ore prima con il faccia a faccia in via della Scrofa, inizia a scricchiolare quando nel primo pomeriggio Berlusconi arriva a Palazzo Madama per incontrare i suoi senatori: “In Forza Italia c’è profonda amarezza perché, a parità di elettori con la Lega, il modo in cui sono stati distribuiti i collegi uninominali ci ha portato 20 deputati e 10 senatori in meno”. La richiesta di “pari dignità con la Lega” è accompagnata un paio d’ore più tardi da un rilancio sulla Giustizia: “Sarà Nordio? No, Meloni mi ha chiesto di incontrarlo, ma c’è la ex presidente del Senato Elisabetta Casellati, su questo c’è accordo, assolutamente”.

Poi, dopo l’assemblea con i deputati, aggiunge: “La Meloni ha detto di sì alla Casellati”. E parte un elenco sui forzisti ministri: “Ci saranno Tajani agli Esteri e vicepremier, Bernini alla Pubblica amministrazione, Saccani all’Università, Pichetto all’Ambiente e alla Transizione ecologica e Casellati alla Giustizia”. Ma Nordio resta il tecnico a cui Meloni intende affidare la Giustizia e Casellati sembra destinata alle Riforme: “Quello che i leader decideranno – chiarisce la ex presidente del Senato – a me sta bene”. L’uscita di Berlusconi è letta come una sgrammaticatura istituzionale anche secondo gli alleati. “Credo che abbia semplicemente espresso i suoi desiderata perché annunciare ministri non è solo inopportuno ma anche irrispettoso dal punto di vista istituzionale”, ammette il capo politico di Noi Moderati Maurizio Lupi.

I rapporti con Putin

Ben altro problema rischiano di generarlo le parole dette da Berlusconi ai deputati. “I ministri russi hanno detto che siamo già in guerra con loro perché forniamo armi e finanziamenti all’Ucraina (il ragionamento in un audio). Però sono molto, molto, molto preoccupato. Ho riallacciato un po’ i rapporti con il presidente Putin, un po’ tanto, nel senso che per il mio compleanno mi ha mandato venti bottiglie di vodka e una lettera dolcissima. Gli ho risposto con bottiglie di Lambrusco e una lettera altrettanto dolce. Sono stato dichiarato da lui il primo dei suoi cinque veri amici”.

In serata Forza Italia chiarisce che “la posizione” del partito e del suo presidente sulla guerra in Ucraina e le responsabilità russe, “è conosciuta da tutti, è in linea con la posizione dell’Europa e degli Stati Uniti, ribadita in più e più occasioni pubbliche. Non esistono né sono mai esistiti margini di ambiguità”. Ma non è detto che basti a ridimensionare l’incidente. (Fonte foto: Il Riformista)

ASCOLTA L’AUDIO INTEGRALE

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved