Bimba italiana chiusa in un orfanotrofio in Messico: impedita di vedere la mamma, l’appello al governo

Il Garante dei minori: "La bambina avrebbe tentato il suicidio nella sua stanza. Deve tornare subito dalla madre"

Una bambina italiana di 10 anni è rinchiusa dallo scorso agosto in un orfanotrofio messicano: la piccola, alla quale da mesi viene impedito di vedere la madre, versa in condizioni psico-fisiche sempre più preoccupanti e di recente sarebbe arrivata a compiere atti di autolesionismo. Il caso è stato segnalato all’ambasciata e al governo italiano, che tuttavia non è stato ancora in grado di intervenire ed ottenere il rilascio della bimba.

La madre di Laura (nome di fantasia) si chiama Elena M., è una 43enne trentina e sta lottando con tutte le forze per poter riabbracciare sua figlia. La bambina è rinchiusa in una struttura dei servizi sociali Dif a Oaxaca, nel sud del Messico, ed è destinataria di una “misura di protezione” imposta da un giudice, provvedimento restrittivo che impedisce alla madre di incontrarla e comunicare con lei.

La madre di Laura (nome di fantasia) si chiama Elena M., è una 43enne trentina e sta lottando con tutte le forze per poter riabbracciare sua figlia. La bambina è rinchiusa in una struttura dei servizi sociali Dif a Oaxaca, nel sud del Messico, ed è destinataria di una “misura di protezione” imposta da un giudice, provvedimento restrittivo che impedisce alla madre di incontrarla e comunicare con lei.

Chi è Elena e quando ha avuto sua figlia

Elena, fotografa documentarista, è approdata in Messico per la prima volta nel 2009, dove ha conosciuto un uomo e quattro anni dopo, nel 2013, è rimasta incinta. Il suo compagno si è rivelato una persona violenta e dedita all’abuso di alcol così la donna, dopo averlo lasciato, ha fatto ritorno in Italia ed ha dato alla luce sua figlia Laura a Cles, in provincia di Trento.

“La bambina – afferma Elena – è nata ed è residente in Italia, l’ho avuta e cresciuta sola, ha solo il mio cognome ed è solo cittadina italiana”. La piccola non è mai stata riconosciuta dal padre biologico. Dopo un paio d’anni trascorsi fra Trentino e Centro America, Elena è tornata in Messico. Ed è nella città di Oaxaca che lo scorso 16 agosto la situazione è degenerata.

La denuncia per maltrattamenti

Quel giorno si stava festeggiando il decimo compleanno di Laura quando tra madre e figlia è scoppiata una lite domestica, un episodio di per sé insignificante che ha segnato però un punto di non ritorno. Dopo una segnalazione dell’ex compagno, infatti, Elena è stata arrestata dalla polizia per violenza familiare, accusa non supportata da nessuna prova: il rilascio di Elena, avvenuto dopo poche ore, non ha però segnato la fine dell’incubo bensì l’inizio di uno ancora più grande. Quel giorno stesso infatti Laura è stata accompagnata in una struttura di Oaxaca che accoglie bambini orfani o maltrattati.

Nelle prime settimane Elena è riuscita a incontrare la figlia alcune volte, sempre vigilata dal personale della struttura per minori. “Mi sono state concesse – racconta – visite di un’ora sotto la stretta sorveglianza di due psicologhe e senza la possibilità di portare con me telefoni o qualcosa che potesse registrare quello che succedeva all’interno. In quel posto le è capitato di tutto, ho visto mia figlia sbattere la testa mentre urlava di volersene andare. Ha già subito traumi che sarà difficile risolvere”.

Poi, il 17 dicembre scorso, la situazione è ulteriormente precipitata con l’imposizione di una misura cautelare da parte di un giudice che impedisce ora alla donna di avvicinarsi a Laura o di comunicare con lei. Da quel giorno, la mamma trentina non ha potuto più abbracciare sua figlia, “e temo – afferma – di non poterla più vedere per anni”. Nel frattempo il padre ha richiesto, con ben dieci anni di ritardo, il test del Dna. Il timore è che possa utilizzarlo per togliere la custodia della bimba alla madre, Elena.

Il garante dei Minori: “Caso gravissimo, intervenga il governo”

La 43enne trentina, alla quale nel frattempo è stato anche ritirato il passaporto, ha fatto appello all’Ambasciata Italiana in Messico, che starebbe seguendo il caso, ma anche al Garante dei Minori della Provincia di Trento, il dottor Fabio Biasi, già Procuratore Capo della Procura dei Minori trentina. Il garante ha confermato la versione fornita da Elena: “Abbiamo aperto una pratica a tutela della bambina, che è rinchiusa in una sorta di orfanotrofio destinato a minori abbandonati o vittime di violenza”.

Fabio Biasi, Garante dei Minori della Provincia autonoma di Trento

Il garante dei diritti dei minori spiega che a carico di Elena non è stata formalizzata nessuna accusa dalle autorità messicane, nonostante siano trascorsi quasi sei mesi, ma che in ogni caso per la sottrazione di una bambina alla madre “servono presupposti gravi, non si può fare a causa di una lite né di un singolo episodio”.

Ed è sempre Biasi a riferire l’episodio: “Elena ci ha riferito che il 16 agosto, giorno del decimo compleanno della figlia, ha avuto una lite con la bimba. La piccola avrebbe fatto una piccola scenata e dopo aver rotto un vetro ha riportato qualche ferita all’avambraccio. Lei ha chiamato l’ambulanza, ma con essa è arrivata anche la polizia accompagnata dal presunto padre della bambina, un cittadino messicano che non ha mai riconosciuto la bimba”.

Il Garante: “La bambina avrebbe tentato il suicidio nella sua stanza”

È sulla base della denuncia per maltrattamenti da parte dell’uomo che Laura è da mesi rinchiusa nella struttura. Qui, conferma Biasi, “le condizioni della bambina sono peggiorate. La mamma riferisce che Laura è dimagrita molto e che di recente avrebbe tentato di strangolarsi nella sua stanza con una corda dopo un litigio col presunto padre, che ha libero accesso all’istituto a differenza della madre”. Insomma, la bimba non sta bene, “bisogna fare in fretta perché venga liberata. Riteniamo che quella in corso sia una gravissima e palese violazione dei diritti della minore”. Il garante afferma che della vicenda è stata da tempo informato anche il governo italiano, nella speranza che un’azione diplomatica di alto livello possa portare al rilascio di Laura e al suo ritorno tra le braccia della madre.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Solo negli ultimi due giorni almeno due segnalazioni nel Capoluogo, ma i casi vanno avanti con sempre maggior frequenza in tutta la regione
Giudizio immediato per Figorilli. Sotto inchiesta anche il padre nei cui confronti la Procura procede separatamente
Qualche problema potrebbero averlo alcuni test diagnostici che non sarebbero in grado di identificare correttamente il virus
Lo ha proclamato il sindacato Conapo. "Il nostro è un grido di allarme verso chi, al Ministero dell’Interno, si dimentica troppo spesso della nostra categoria"
La donna inizialmente non si trovava, ma in realtà si era rifugiata in una zona dell'abitazione non toccata dalle fiamme
La decisione è stata annunciata oggi, ma non è stata indicata una data di fine dell'agitazione
Le cinque province calabresi non brillano nella tragica classifica dei decessi
Sono circa 373.000 i candidati. Valditara: "Favoriamo la continuità didattica"
Nei giorni scorsi era stato chiuso un tratto di circa 80 chilometri per tre giorni di fila
A due persone gli agenti hanno ordinato di allontanarsi dal Comune di Tropea e di non potervi fare rientro per 3 anni
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved