Calabria7

Bimbi pakistani venditori ambulanti sulle spiagge: la loro infanzia negata

di Giovanni Caglioti – Infanzia negata per decine di bimbi di origine Pakistana che ogni giorno sono costretti a vendere accendini o oggetti di varia natura per i locali e le spiagge della costa ionica Catanzarese.

Un fenomeno che sta prendendo dimensioni da destare enorme preoccupazione.

Dietro questo, ci sono storie di immigrazione incontrollata che sfociano successivamente in storie di infanzia negata, di diritti negati mai esercitati e fatti valere e che forse mai verranno fatti valere.

Magari di vere e proprie organizzazioni dedite a questo tipo di attività, che sfruttando i minori, arricchiscono le tasche e le attività illecite di gruppi criminali. Dubbi e interrogativi che sorgono spontanei, specie quando in campo c’è il destino e la vita di bambini innocenti. E se l’Italia sta diventando il paese in cui la caccia allo straniero irregolare è solo un mero spot elettorale la mancanza di politiche, leggi adeguate e azioni concrete affinché si possano arginare fenomeni di tale genere rimangono solo dei miraggi in un panorama politico e sociale sempre distratto e superficiale.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Traffico rifiuti Lamezia, Puccio (PD): “C’è da rimanere sconcertati”

Mirko

Decreto Calabria, un “esercito” di commissari per risanare la sanità regionale

manfredi

Sorical: frana minaccia acquedotto “Anguilla2” che serve Rosarno

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content