Bimbo di 1 anno con la mamma detenuta, il Garante della Calabria: “Uno scempio bambini in carcere”

“Chi ne ha la responsabilità deve cambiare le cose presto. Stiamo rubando il futuro a creature fragili ed innocenti”

“Esco dalla sezione di un carcere calabrese in cui ho avuto modo di incontrare una giovane mamma detenuta da qualche mese insieme al suo bimbo di appena un anno e mezzo. Che dire, se non che sembra impossibile immaginare che, in pieno terzo millennio, possano presentarsi scene di questo tipo”. A dirlo è il garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale della Calabria Luca Muglia, che esprime “sdegno” per lo “scempio dei bambini in carcere”.

“Una creatura così innocente privata della libertà”

“Una creatura così innocente privata della libertà”

“Lo sgomento – afferma in una nota – non involge, evidentemente, il merito processuale che ha portato la giovane donna ad essere collocata in carcere. Ho rispetto del lavoro dei magistrati e dell’applicazione delle norme vigenti. Né tantomeno lo stupore è da ascrivere all’Amministrazione penitenziaria, ove si consideri che nel caso di specie la direttrice, la Polizia penitenziaria, l’Area educativa e sanitaria hanno dimostrato sensibilità e grande attenzione ai bisogni del minore e della madre”.

“Lo sdegno, così si può e si deve chiamare – afferma Muglia , riguarda la possibilità, prevista e contemplata da una legge dello Stato, di privare della libertà personale una creatura così indifesa ed innocente. Per tutti noi era il primo giorno di primavera, allietato da un cielo terso ed un sole caldo. Ma sono sensazioni, odori e colori che quel bambino senza colpe non ha provato o visto e, chissà per quanto ancora, non proverà o vedrà. Il suo gioco era, oggi, un piccolo evidenziatore dal colore blu. Un tempo ‘sbarrato’, che non può non lasciare segni nella mente e nel cuore di questo piccolo grande uomo. Tutto ciò interroga le nostre coscienze e ci induce a riflettere sulla violenza delle nostre leggi”.

“Cambiare le cose – conclude il garante – è sempre possibile. Chi ha la responsabilità politica ed istituzionale può certamente farlo. Ma occorre farlo presto. Stiamo rubando il futuro a creature fragili ed innocenti. E’ proprio vero, il carcere è il posto dove parlano gli occhi. Lo sguardo di questo bimbo ci seguirà, inquieterà le nostre notti fino a quando qualcuno, un nobile giorno, non porrà fine allo scempio dei bambini in carcere”. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il decesso poche ore dopo l'esame avvenuto con mezzo di contrasto. Disposto anche il sequestro della salma per effettuare l'autopsia
Basta Vittime invia all’Anas nuove immagini sui tratti già segnalati nei giorni di pioggia: "Si intervenga con urgenza"
Dall'artista Mimmo Rotella al Parco internazionale della scultura alla prestigiosa accademia delle Belle Arti
L'eccezionale racconto degli anni delle stragi di due autentici eroi, fidati collaboratori di Falcone e Borsellino, ingiustamente processati e assolti dopo venti anni
Disagi alla viabilità, nel tratto interessato dall'incidente, transito su unica corsia. Sul posto carabinieri e polizia stradale
Operazione della Polizia municipale e dell'Ufficio circondariale marittimo della Guardia costiera di Soverato
karpanthos
Nell'avviso di conclusione delle indagini compaiono nomi di alcuni politici, tra questi il sindaco di Cerva
Scoperto un sofisticato sistema di frode che ha consentito di compensare indebitamente debiti tributari e previdenziali con crediti fiscali inesistenti
Motisi è inserito nell’elenco dei latitanti di “massima pericolosità” del “programma speciale di ricerca” del Ministero dell’Interno
Termometro giù di 15 gradi rispetto ai giorni scorsi. Forti acquazzoni sulla fascia tirrenica e torna a nevicare in Sila
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved