Bimbo di 3 anni azzannato dal dobermann di famiglia, tragedia sfiorata

Ferita anche la nonna del piccolo. Il fatto è avvenuto intorno a mezzogiorno
dobermann

Un bambino di 3 anni è stato azzannato dal dobermann di famiglia che ha ferito anche la nonna accorsa per difenderlo. Il fatto è avvenuto intorno a mezzogiorno in un’abitazione privata a Dumenza (Varese) ed è ora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Luino. Non è chiaro se il piccolo stesse giocando con il cane, che in passato non ha mai avuto comportamenti aggressivi stando a quanto accertato dagli inquirenti, oppure se si trovasse semplicemente nelle vicinanze.

L’esemplare adulto di dobermann lo ha azzannato e così ha fatto anche con la nonna del bimbo accorsa per difendere il nipote. La donna è riuscita a mettere se stessa e il piccolo al sicuro e a chiamare il 112. I due feriti sono stati trasportati in ospedale in codice giallo: non sono in pericolo di vita. Il cane sarà affidato al servizio veterinario di Ats Insubria. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
All'incontro tenutosi presso la sede dell'Università Pontificia della Santa Croce, Helga Procopio e Francesco Mancuso hanno rappresentato la città capoluogo calabrese
L'incontro è avvenuto nel Liceo Scientifico Zaleuco, dove il magistrato ha risposto alle domande dei ragazzi e ha approfondito tematiche attuali
Vista la gravità della ferita è intervenuto l'elisoccorso, che ha trasportato la vittima all'ospedale "Annunziata" di Cosenza
Secondo un sondaggio, il 44% si sente inadeguato e insicuro dovuto all'ipercompetizione a scuola, che rende più difficile imparare
Le iniziative si terranno nella città crotonese dove, nel febbraio 2023, si è verificato il naufragio nel quale hanno perso la vita 94 persone
Il sindacato aderisce alla mobilitazione nazionale del settore edile e metalmeccanico. I numeri degli infortuni sono ancora più allarmanti in Calabria
Arrestati, tra gli altri, due funzionari dell’Agenzia delle Dogane che sarebbero coinvolti in traffico internazionale di sostanze stupefacenti
Fortunatamente ha avuto il tempo e la concentrazione per rallentare
L'indagine: è come se le lavoratrici italiane iniziassero a percepire uno stipendio a partire da febbraio, pur lavorando regolarmente dal 1° gennaio
Le organizzazioni sindacali hanno rimarcato l’"imperante necessità di porvi rimedio già nelle prossime occasioni parlamentari"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved