Bindi: “Bisogna federare le opposizioni. Il governo? Durerà”

E sul dialogo tra Pd e M5S, Bindi ha aggiunto: "Serve perché credo che il Partito democratico non possa farsi passare avanti su alcuni temi"
bindi

“Siamo di fronte ad una vittoria vera della destra, ad un Governo che credo durerà, se le opposizioni non si federano in qualche modo offrono un grande strumento alla maggioranza che gioca innanzi tutto a dividerle e magari con un tipo di opposizione di oggi potrebbe anche trovare qualche collaborazione”. È l’appello lanciato da Rosy Bindi ospite di ‘Mezz’ora in più’ su Raitre.

Il dialogo tra Pd e M5S

Il dialogo tra Pd e M5S

“Vorrei un dialogo tra il Partito democratico e i Cinquestelle non perché, come dice qualcuno, vorremmo l’annessione del Partito democratico ai Cinquestelle, semplicemente perché credo che il Partito democratico non possa farsi passare avanti sui temi della pace, del lavoro, della lotta alla precarietà, della lotta alla povertà, del superamento delle diseguaglianze, perché il perno della sinistra in Italia deve farlo intorno a questi contenuti e deve avere l’ambizione di unire gli operai e gli imprenditori”.

Manifestazione per la pace

In merito manifestazione per la pace “senza bandiere e aperta a tutti” lanciata dal leader 5 Stelle Giuseppe Conte, Bindi – riporta l’Adnkronos – non ci sta. “Ieri ero ad Assisi al tavolo della pace a commentare il documento che dice ‘no bombe ma cure’. Quello che ci siamo detti con molta chiarezza è che questa manifestazione” per la pace “non può essere convocata da chi rivendica primati di prima classe che non ha, deve essere convocata dai tanti movimenti per la pace, che finalmente si stanno svegliando, per chiedere alla politica di percorrere la via della diplomazia, di smettere di costruire armi di guerra continuando a dire che si vuole la pace”.

“La guerra? Bisogna trattare anche con i cattivi”

“Avrei voluto che dal Partito democratico e da tutta la sinistra italiana – aggiunge – fosse venuta una parola chiara su questo punto: non ho mai avuto dei dubbi con chi stare, ma come starci. Se non incomincia a venirci qualche dubbio stiamo precipitando verso il rischio di un conflitto nucleare e con una situazione non più sostenibile. Da chi deve venire l’impulso a incominciare le trattative? Purtroppo bisogna trattare anche con i cattivi se hanno incominciato la guerra. Se anche sostieni la parte aggredita la devi accompagnare al tavolo della trattativa. Non credo che il messaggio del Papa sia irrealistico, è un messaggio razionale”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved