Calabria7

Bioraffineria in provincia di Catanzaro, rischio scongiurato

Il presidente del Comitato Salviamo Curinga Mario Maiorana, imprenditore del settore vivaistico, ha reso noto che “i titolari della società proprietaria del sito di località Favarella di Curinga, sul quale doveva sorgere la Centrale a biogas della Energy Waste Asset s.r.l. (EWA), hanno rinunciato al progetto che prevedeva la conversione dell’industria preesistente”. “L’interlocuzione – si legge in una nota – è intervenuta dopo alcune settimane dalla mobilitazione della cittadinanza e del comitato appositamente costituito contro il progetto, che, ricordiamo, riguarda la realizzazione di un impianto capace di trattare 70.000 tonnellate annue di rifiuti per ricavarne biogas”.

La raccolta firme

Come si ricorderà, il Comitato, appena appreso del progetto depositato in Regione per le necessarie autorizzazioni, ha raccolto migliaia di firme dei cittadini del Comune divenuto famoso per il monumentale platano meridionale divenuto albero dell’anno. I quali cittadini hanno espresso netta contrarietà ad un intervento che si porrebbe in stridente contrasto con la destinazione prevalentemente agricola e turistica della zona e che danneggerebbe gravemente il paesaggio sotto più punti di vista: possibile inquinamento del suolo, delle acque e dell’aria; cattivo odore, passaggio di decine di mezzi che trasportano rifiuti ogni giorno, danni per le colture pregiate e per l’immagine delle aziende, disagi per i residenti, compromissione del paesaggio e delle pregnanti emergenze ambientali, storiche, culturali ed archeologiche ricadenti nell’area. Erano in preparazione numerose iniziative da parte del Comitato. È invece intervenuto il passo indietro della proprietà dell’area.

Ambientalisti vigili

“È un segno importante – ha dichiarato il presidente Maiorana – che dimostra più cose: da un lato la necessità di essere uniti quando un intervento che si ritiene improvvido per il territorio deve essere contrastato; da un secondo punto di vista la forte vocazione del Comune di Curinga verso un’economia che si basi sull’agricoltura, il turismo, i beni culturali ed ambientali; sotto un terzo aspetto la responsabilità sociale di un’impresa – quella proprietaria dell’impianto esistente – che ha evidentemente ritenuto di dover accogliere, responsabilmente, le istanze della comunità entro cui essa stessa opera ed ha messo l’interesse generale davanti a quello particolare”. Il presidente Maiorana ha espresso “un ringraziamento particolare alla Comunità curinghese, alle associazioni del territorio, al parroco di Acconia don Franco De Cicco, al sindaco dottor Vincenzo Serrao, all’avvocato Francesco Bevilacqua, per il supporto legale ed umano che ha offerto al Comitato. Nel ringraziare anche la proprietà del sito industriale di località Favarella, che con la sua decisione, non scontata, né formalmente dovuta, ha dimostrato attaccamento verso il territorio e la comunità curinghese, il presidente Maiorana ha concluso assicurando che il Comitato rimarrà vigile in modo che tutto si concluda nel migliore dei modi”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Comune Catanzaro, Bosco duro con il consiglio comunale (VIDEO)

manfredi

“Non vogliamo ristori, vogliamo solo ristorare”, il disappunto degli esercenti catanzaresi

bruno mirante

Catanzaro, I Quartieri: “L’atto aziendale del Pugliese-Ciaccio va bocciato”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content