Blitz antimafia a Milano, presunto boss clan di Pioltello: “Faccio lista e metto capo della ‘ndrangheta”

Lo dice Cosimo Maiolo, già condannato nell’operazione "Infinito", al braccio destro Luca Del Monaco prima di incontrare il candidato sindaco Claudio Fina
'Ndrangheta a Milano,

“Mi faccio la lista civica per me senza… registrata mi metto… capo della ‘ndrangheta“. Lo dice intercettato dalla Squadra mobile e la Dda di Milano il presunto boss della locale di Pioltello Cosimo Maiolo, già condannato nell’operazione denominata “Infinito”, mentre parla con il braccio destro Luca Del Monaco prima di incontrare in un pranzo del 23 settembre 2021 il candidato sindaco per il centrodestra Claudio Fina in vista delle elezioni amministrative dell’ottobre 2021.

Le intercettazioni sono relative all’operazione che la Polizia di Milano, coordinata dalla Dda del capoluogo lombardo, sta eseguendo nei confronti di 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, tentata estorsione, tentato omicidio, ricettazione, porto illegale di armi, furto aggravato, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, intestazione fittizia e coercizione elettorale, usura, tutti aggravati dalla contestazione della mafiosità.

Le intercettazioni sono relative all’operazione che la Polizia di Milano, coordinata dalla Dda del capoluogo lombardo, sta eseguendo nei confronti di 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, tentata estorsione, tentato omicidio, ricettazione, porto illegale di armi, furto aggravato, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, intestazione fittizia e coercizione elettorale, usura, tutti aggravati dalla contestazione della mafiosità.

L’aiuto elettorale

Un incontro in cui Fina, sostenuto da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia – stando a quanto riportato dagli inquirenti – “seppure consapevole della caratura della persona che aveva davanti”, ossia Cosimo Maiolo, “ha accettato l’aiuto in campagna elettorale definendo con gli stessi Maiolo-Del Monaco quali votanti accaparrarsi, sfruttando anche il bacino dei voti derivanti dagli stranieri aventi diritto al voto”. Il presunto boss – secondo le Carte della Procura – avrebbe invitato la “comunità formata da albanesi e pakistani”, a votare per il candidato sindaco Claudio Fina e l’aspirante assessore Marcello Menni, manifestando “pubblicamente il sostegno della ‘ndrangheta” per i due candidati.

“Somministrazioni di manodopera”

Salvatore Maiolo, anche lui arrestato, avrebbe creato, anche attraverso prestanome, società che “costituiscono meri serbatoi di personale da affittare a committenti”, alcuni di rilevanti dimensioni come Gls, uno dei colossi nel settore della logistica-trasporti. Il clan della `ndrangheta, con tale modus operandi, avrebbe portato avanti “illecite somministrazioni di manodopera” – scrive la Procura -, con “profitti a favore del sodalizio mafioso”. La società Thalia srl, si legge negli atti dell’ordinanza, operava “in regime di subappalto per la Gls Trasporti”. In un’intercettazione del gennaio 2020 Salvatore Maiolo (ora in carcere), parlando col cugino Giovanni Maiolo (anche lui arrestato), gli spiegava che “un suo amico aveva stipulato un contratto con il corriere Gls per la gestione di 40 furgoni a 200mila euro al mese”.

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, blitz della Polizia a Milano: arrestate 10 persone

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta a Milano, l’appoggio del clan al candidato sindaco di Pioltello

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved