Blitz ad Agrigento, affari con la ‘ndrangheta di Platì per il controllo delle slot: 10 misure cautelari

Documentata l'interferenza esercitata da Cosa Nostra nel settore economico delle transazioni per la vendita di uva e la progressiva ingerenza della "stidda"
Mafia: blitz Agrigento,slot e uva gli affari con 'ndrangheta

Estorsioni a tappeto, connivenza tra Cosa Nostra e Stidda e rapporti con la ‘ndrangheta di Platì. Scatta l’operazione Condor in provincia di Agrigento. I carabinieri del Comando provinciale, insieme ai militari del Ros, hanno eseguito 10 misure cautelari: 5 in carcere, 4 ai domiciliari e 1 obbligo di dimora. Obiettivo dell’organizzazione mafiosa era il controllo delle attività economiche, come a Palma di Montechiaro, in particolare nel settore degli apparecchi da gioco e delle mediazioni per la vendita dell’uva (le sensalie).

Documentata l’interferenza esercitata da Cosa Nostra nel settore economico delle transazioni per la vendita di uva e la progressiva ingerenza della stidda. In tale ambito sono emersi i rapporti del vertice della famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro con la ‘ndrina calabrese dei Barbaro di Platì, nonché il controllo di una grossa parte del settore imprenditoriale delle slot machine e degli apparecchi da gioco installati nei locali commerciali. Tra gli arrestati spiccano i nomi di Nicola Ribisi, ritenuto il capo della famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro, e Giuseppe Sicilia, ritenuto il capo della famiglia mafiosa di Favara.

Documentata l’interferenza esercitata da Cosa Nostra nel settore economico delle transazioni per la vendita di uva e la progressiva ingerenza della stidda. In tale ambito sono emersi i rapporti del vertice della famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro con la ‘ndrina calabrese dei Barbaro di Platì, nonché il controllo di una grossa parte del settore imprenditoriale delle slot machine e degli apparecchi da gioco installati nei locali commerciali. Tra gli arrestati spiccano i nomi di Nicola Ribisi, ritenuto il capo della famiglia mafiosa di Palma di Montechiaro, e Giuseppe Sicilia, ritenuto il capo della famiglia mafiosa di Favara.

LEGGI ANCHE | Maxi blitz in Sicilia, le mani di Cosa nostra e ‘ndrangheta su slot e commercio dell’uva

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved