Bonus computer da 300 euro, chi può ottenerlo e come fare domanda

L'agevolazione è rivolta agli studenti delle superiori e agli universitari e alle loro famiglie. L'obiettivo è quello di aumentare la digitalizzazione
solidarietà

Il bonus computer 2024 serve per permettere a chi ne ha bisogno di acquistare un nuovo portatile, o anche un computer fisso. L’agevolazione è rivolta agli studenti delle superiori e agli studenti universitari, oppure alle loro famiglie. L’obiettivo della misura è quello di aumentare il tasso di digitalizzazione della popolazione, cioè la quantità di persone che hanno accesso a strumenti informatici. Oltre a essere pensato per gli studenti, il bonus da 300 euro prevede anche un requisito Isee fissato a 20mila euro.

Al momento è stato annunciato che il bonus ci sarà, ma non si sa ancora da quando sarà attivo e si potrà presentare la domanda. La richiesta andrà inoltrata tramite l’applicazione App Io, che può essere utilizzata solo tramite smartphone.

A chi spetta contributo da 300 euro: i requisiti per il bonus

Come detto, il bonus computer 2024 è rivolto a studenti delle superiori o dell’università, o ai loro familiari. Possono fare richiesta solo coloro che hanno un Isee famigliare al di sotto dei 20mila euro. L’importo dello sconto è pari a 300 euro e può essere utilizzato per tutti i tipi di computer: non importa se sia portatile o fisso, e neanche se lo voglia comprare nuovo oppure usato. Non vale, invece, per accessori come scanner o stampanti. E neanche per pagare la propria connessione a Internet: per questo esiste un altro voucher da 100 euro, sul quale dovrebbero arrivare nuove informazioni nel corso dell’anno. Una limitazione da tenere a mente è che chi ha già usato il bonus computer in passato non potrà richiederlo un’altra volta: si tratta infatti di un’agevolazione una tantum, che non può essere utilizzata più di una volta dalla stessa persona.

Come fare domanda con l’App Io

Per fare domanda e avere il bonus computer, sarà necessario passare dall’App Io. Questa è l’applicazione per smartphone che permette di gestire i pagamenti verso la pubblica amministrazione, ma integra anche molti altri servizi pubblici. Chi non lo ha ancora fatto, quindi, dovrà prima di tutto scaricare l’applicazione, e poi registrarsi. Per farlo è necessario avere uno Spid, oppure una Carta d’identità elettronica. Insomma, serve un’identità digitale.

Fatto l’accesso all’applicazione, sarà necessario andare nella parte dedicata, ovvero nella sezione Portafoglio dell’app. Qui, in alto a destra, si trova il pulsante +, o Aggiungi. Premendolo, e poi scegliendo “sconti, bonus e altre iniziative” chi rispetta i requisiti dovrebbe trovare anche l’opzione per il bonus computer. A questo punto basterà seguire la procedura guidata. Sarà richiesto di compilare la domanda inserendo le proprie generalità (nome, cognome, data di nascita…), il proprio codice fiscale, la copia di un documento d’identità da allegare, e poi l’Isee. Per quanto riguarda l’Isee, non è necessario allegare un documento: una volta fatta la domanda, avverrà in automatico il controllo con l’Inps per verificare che i requisiti siano rispettati. Come detto, al momento la procedura non è ancora attiva, ma si attendono indicazioni per conoscere la data esatta. (Fanpage)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved