Botte e torture sui detenuti, atti falsificati per nascondere la violenza: 10 agenti arrestati

Uno dei detenuti ha problemi psichiatrici ed è stato torturato perché ha compiuto un gesto autolesionistico davanti ad un'ispettrice che è rimasta offesa
detenuto sciopero della fame

Schiaffi, calci, pugni, ginocchiate in faccia. La vittima che, in un caso, viene spinta contro un muro mentre un manipolo di agenti di polizia penitenziaria la picchia selvaggiamente mentre un altro agente resta a guardare senza intervenire. Il detenuto picchiato ha problemi psichiatrici e viene torturato perché ha compiuto un gesto autolesionistico davanti ad un’ispettrice che è rimasta offesa dal gesto. Un oltraggio che va punito con una tortura, non solo nei confronti dell’autore ma anche del suo compagno di cella.

Violenza ripresa dalle telecamere

Violenza ripresa dalle telecamere

È l’11 agosto scorso e siamo nel carcere di Foggia dove le telecamere riprendono le torture subite da uno dei due detenuti. Per queste due assurde violenze fisiche e morali oggi sono stati arrestati e posti ai domiciliari dieci agenti di polizia penitenziaria in servizio nel penitenziario foggiano. Qui, stando alla ricostruzione contenuta nelle 96 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare, sono stati compiuti reati gravissimi: tortura, abuso d’ufficio, abuso di autorità contro detenuti, omissione di atti d’ufficio, danneggiamento, concussione, falsità ideologica, soppressione di atti.

I domiciliari sono stati disposti per l’ispettore Giovanni Di Pasqua, il sovrintendente Vincenzo Piccirillo, l’agente Flenisio Casiere, l’assistente capo Nicola Calabrese, l’agente Pasquale D’Errico, l’assistente Raffaele Coccia, l’agente Giuseppe Toziano, il sovrintendente Vittorio Vitale, la vice ispettrice Annalisa Santacroce e l’assistente capo Massimo Folliero.

Respinta la richiesta di interdizione al medico del carcere

È stata respinta invece la richiesta di interdizione dalla professione per un anno per il medico del carcere Antonio Iuso e per la psicologa Stefania Lavacca. Sono invece indagati a piede libero altri due medici e un altro agente, per quest’ultimo è stata respinta la richiesta di arresto. Un’indagine – si legge nelle carte – che ha preso il via da un esposto che il 17 agosto scorso è arrivato alla Procura di Foggia a firma del detenuto affetto da patologie psichiatriche che ricostruiva l’aggressione subita da lui e dal suo compagno di cella. “Il giorno 11 agosto – scrive il detenuto – l’ispettore Di Pasqua, un brigadiere e altri agenti sono entrati in cella, hanno detto ‘perquisizione’ e allo stesso tempo hanno iniziato a torturarmi violentemente con calci e pugni. Un pestaggio sanguinoso durato più di mezz’ora. Stesso pestaggio, contemporaneamente, è stato fatto al mio compagno di cella. L’ho visto sanguinare e massacrato”.

La sequenza shock delle aggressioni

La sequenza shock, come detto, è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza della struttura carceraria e il file è allegato agli atti dell’indagine. Delle torture sarebbe stato testimone un cittadino bulgaro che coraggiosamente ha fatto spedire l’esposto come se fosse una sua normale missiva, in questo modo ha evitato che la lettera venisse cestinata dagli agenti. Dopo il pestaggio gli indagati – secondo l’accusa – avrebbero messo a segno una serie di depistaggi volti a nascondere quanto compiuto, tra cui la firma su alcune dichiarazioni con le quali la vittima delle sevizie assicurava che non gli “avevano fatto niente”. Il gip nell’ordinanza parla di “clima di omertà riscontrato tra il personale in servizio presso la casa circondariale e la capacità degli indagati di ottenere la collaborazione dei detenuti differenti dalle persone offese al fine di depistare le indagini e di intimidire le stesse vittime della violenza”. “Tutti i membri della polizia penitenziaria coinvolti – annota il giudice – hanno dato prova di grande coesione sia nel compimento dei reati che nel tentativo di depistaggio”. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved