Calabria7

Brogli elettorali a Reggio Calabria, Castorina: “Sono estraneo alle accuse”

Antonino Castorina

È terminata da poco l’udienza dinanzi al Tribunale del riesame di Reggio Calabria per discutere del ricorso presentato da Antonino Castorina, il consigliere comunale del Pd arrestato il 14 dicembre scorso per falsità in atto pubblico e reati elettorali nell’ambito di un’inchiesta sullo svolgimento delle elezioni amministrative del 20-21 settembre nella città dello stretto. Dopo l’interrogatorio di garanzia, in cui Castorina si era avvalso della facoltà di non rispondere, i suoi legali hanno chiesto al riesame la revoca dell’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal gip su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gerardo Dominijanni e dei pm Paolo Petrolo e Nunzio De Salvo.

Castorina, assistito dai propri difensori di fiducia, gli avvocati Natale Polimeni e Francesco Calabrese, (presenti all’udienza l’aggiunto Dominijanni e il pm Petrolo), ha reso dichiarazioni al collegio del Riesame rappresentando di essere estraneo a qualunque meccanismo di brogli elettorali. Gli avvocati del consigliere del Partito Democratico hanno sostenuto la legittimità delle deleghe per il ritiro del duplicato dei certificati elettorali, respingendo con forza l’ipotesi che gli elettori, che poi si è scoperto essere già deceduti, abbiano votato per Castorina. La decisione del riesame è attesa entro il giorno 7 gennaio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Focolaio nel carcere di Catanzaro: salgono a 80 i contagiati, si cercano volontari

bruno mirante

Droga: spaccio dai domiciliari, 2 arresti nella Locride 

Andrea Marino

Violenza negli stadi, due daspo ed una denuncia a Crotone

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content