BROOKLYN | Le mani della ‘ndrangheta sul ponte Morandi: arrestati due imprenditori e un finanziere (NOMI)

Ecco chi sono i sei indagati dell'inchiesta Brooklyn condotta dalla Guardia di Finanza sotto il coordinamento della Dda di Catanzaro
operazione-brooklyn

Intestazione fittizia e associazione per  delinquere aggravati, rispettivamente, dalla modalità e finalità mafiosa; corruzione, auto riciclaggio, frode in pubbliche forniture, truffa. Queste le accuse  formulate a vario titolo, in un’ordinanza eseguita stamane dalla Guardia di Finanza nei confronti di 6 persone, di cui 4 arrestate. In carcere sono finiti gli imprenditori Eugenio e Sebastiano Sgromo e un anche un finanziere, già in servizio alla Dia, Michele Marinaro. Coinvolta anche una collaboratrice dei due fratelli imprenditori, Rosa Cavaliere (ai domiciliari). L’inchiesta denominata “Brooklyn” è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. A carico dei sei indagati c’è infatti anche l’aggravante di aver agevolato associazioni di tipo mafioso e al centro delle indagini sono finiti i lavori di manutenzione straordinaria del ponte Morandi di Catanzaro e di un tratto di strada statale 280 dei “Due Mari” che collega il capoluogo all’autostrada A2. E’ stata disposta la misura dell’interdizione dall’esercizio delle attività professionali per Silvio Baudi, ingegnere dell’Anas (sei mesi) e per Gaetano Curcio, geometra (nove mesi). Sotto inchiesta anche la Tank srl con sede di fatto a Maida, esercente l’attività di costruzione di strade, autostrade e piste aeroportuali.

Intestazione fittizia e associazione per  delinquere aggravati, rispettivamente, dalla modalità e finalità mafiosa; corruzione, auto riciclaggio, frode in pubbliche forniture, truffa. Queste le accuse  formulate a vario titolo, in un’ordinanza eseguita stamane dalla Guardia di Finanza nei confronti di 6 persone, di cui 4 arrestate. In carcere sono finiti gli imprenditori Eugenio e Sebastiano Sgromo e un anche un finanziere, già in servizio alla Dia, Michele Marinaro. Coinvolta anche una collaboratrice dei due fratelli imprenditori, Rosa Cavaliere (ai domiciliari). L’inchiesta denominata “Brooklyn” è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. A carico dei sei indagati c’è infatti anche l’aggravante di aver agevolato associazioni di tipo mafioso e al centro delle indagini sono finiti i lavori di manutenzione straordinaria del ponte Morandi di Catanzaro e di un tratto di strada statale 280 dei “Due Mari” che collega il capoluogo all’autostrada A2. E’ stata disposta la misura dell’interdizione dall’esercizio delle attività professionali per Silvio Baudi, ingegnere dell’Anas (sei mesi) e per Gaetano Curcio, geometra (nove mesi). Sotto inchiesta anche la Tank srl con sede di fatto a Maida, esercente l’attività di costruzione di strade, autostrade e piste aeroportuali.

L’ispettore “talpa”

Tra gli arrestati c’è anche un ispettore della Guardia di Finanza, già coinvolto nell’operazione antimafia  “Rinascita-Scott”. Si tratta di Michele Marinaro, indagato per corruzione in atti giudiziari e rivelazione di segreto d’ufficio per fatti commessi quando era in servizio alla Direzione investigativa antimafia di Catanzaro. Il militare, nello svolgimento di indagini delegate sui due imprenditori, in cambio di utilità di vario genere, si sarebbe adoperato per attenuare la posizione dei due, informandoli costantemente dello sviluppo del procedimento nei loro confronti.

Sequestro preventivo da oltre 200mila euro

Il Gip ha anche disposto il sequestro preventivo di tre società di costruzione e di oltre 200.000 euro come profitto dei reati contestati. La  procura ha contestualmente disposto il sequestro, con facoltà d’uso, del viadotto “Bisantis” e della galleria Sansinato, allo scopo di svolgere accertamenti di natura tecnica. Le indagini, avrebbero permesso di acquisire gravi indizi a carico di due imprenditori operanti nel settore delle costruzioni e dei lavori stradali, che, consapevoli del rischio di incorrere in misure di prevenzione di natura patrimoniale, avrebbero  costituito delle società intestandole fittiziamente a una loro collaboratrice, pur mantenendone il controllo di fatto. Una di queste società si è aggiudicata i lavori di manutenzione straordinaria per il ripristino del calcestruzzo del ponte Morandi e di rifacimento dei muri di contenimento di un tratto della Strada Statale 280 dei Due Mari.

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | Lavori sul Ponte Morandi e sulla 280, eseguite sei misure cautelari (VIDEO)

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | Gli imprenditori in odor di mafia, il finanziere corrotto e il giornalista disponibile

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | Gli imprenditori Sgromo “punto di riferimento” della cosca Iannazzo di Lamezia

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | Le rassicurazioni di Abramo: “Il Ponte Morandi è solido. Lavori solo su rivestimento”

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | Lavori sul Ponte Morandi, il direttore tecnico: “Prodotti usati fanno cagare”

LEGGI ANCHE | BROOKLYN | La rabbia e l’indignazione dei catanzaresi: “Ferita al cuore”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved