Calabria7

Business della marijuana a Vibo, imputato lascia il carcere e passa ai domiciliari

La prima sezione penale della Corte d’appello di Catanzaro, in accoglimento delle argomentazioni difensive proposte dall’ avvocato Francesco Capria, ha sostituito la misura cautelare della custodia in carcere con quella degli arresti domiciliari nei confronti di Giovanni Battaglia di Nicotera, condannato in secondo grado a quattro anni e 20 giorni di reclusione nell’ambito del processo scaturito dall’operazione Giardini Segreti (LEGGI QUI).

Lo scorso10 gennaio la Corte, ritenendo fondate le doglianze proposte dal difensore di fiducia ha assolto l’ imputato dal reato di partecipazione ad un’ associazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti rideterminando la pena inflitta in primo grado. A seguito del verdetto della Corte d’appello, i giudici facendo proprie le argomentazioni difensive in base alle quali si era evidenziato l’ affievolimento delle esigenze cautelari, ha deciso di sostituire la misura cautelare in atto.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ucciso dopo lite, fermato il vicino 66enne

manfredi

Elezioni Calabria, rebus primarie nel centrosinistra. Il no di de Magistris agita Pd e M5s

Mimmo Famularo

Scompare 36enne in Calabria, appello a collaborare e ricerche in corso

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content