Busta paga più alta per chi lavora al Nord rispetto al Sud: quanto cambia lo stipendio

A rivelarlo è il rapporto del 2024 sulle retribuzioni di Odm consulting riportato da Il Sole 24 Ore
fisco natale

Tra chi lavora al Nord Italia e nel Mezzogiorno c’è una differenza di salario anche se si fa sostanzialmente lo stesso lavoro. Una differenza che si riscontra anche tra chi lavora in un’azienda piccola e in una grande, o in un settore piuttosto che in un altro. Lo ha mostrato un rapporto della società Odm consulting riportato dal Sole 24 ore, che riguarda i primi nove mesi del 2023. La stessa dinamica si ritrova in tutte le altre categorie di dipendenti: cioè operai, impiegati, quadri (dipendenti con alcune responsabilità ma senza ruoli dirigenziali) e dirigenti.

Come cambiano gli stipendi tra Nord e Sud Italia

Come cambiano gli stipendi tra Nord e Sud Italia

La paga media dei dirigenti in azienda nel 2023 è stata di circa 120mila euro lordi all’anno, quella dei quadri di 62mila euro, quella degli impiegati di 35mila euro e quella degli operai di 28mila euro. Partendo da questi stipendi medi, si possono notare le forti differenze tra un territorio e l’altro. Infatti, risulta che al Nord-Ovest, i dirigenti abbiano avuto il 5% in più. Al Nord-Est e al Centro ci sono state delle flessioni leggere (rispettivamente -3% e -4% dalla media), mentre al Sud la differenza è stata del 9% in meno. Si parla, quindi, di più di 10mila euro all’anno di differenza per lo stesso ruolo in azienda. Si può fare lo stesso ragionamento per i quadri: 4% in più al Nord-Ovest, 0,1% in più al Nord-Est, 3,5% in meno al Centro e ben l’11,5% nel Meridione. Per gli impiegati si ripete lo stesso schema: al Sud la differenza è di -9,3%. Solo tra gli operai le percentuali sono meno elevate. Per i dipendenti meno pagati, infatti, si va dal 3,8% in più del Nord-Est al 6,3% in meno del Mezzogiorno.

Ci sono poi anche differenze in base alla dimensione dell’azienda, a prescindere dalla parte d’Italia in cui si lavora. In generale, per tutte le categorie di dipendenti le paghe sono più basse in una piccola azienda rispetto a una media o grande impresa. Tra i dirigenti la differenza si sente leggermente meno: infatti, chi si trova in una piccola realtà prende il 4% in meno della media, mentre chi è in una grande azienda è il 6% al di sopra. Concretamente, ci sono 12mila euro all’anno di differenza tra le due fasce. I quadri invece risultano pagati molto meglio nelle grandi imprese (+10,2%). Gli operai hanno condizioni decisamente peggiori della media nelle piccole aziende: -10,2%, ovvero 25mila euro lordi all’anno contro i quasi 29mila di chi lavora in una realtà più grande. Se non altro, dopo anni di inflazione molto alta che hanno tagliato il potere d’acquisto di tutti i cittadini – ma con un effetto più duro su quelli a basso reddito – nel 2024 da questo punto di vista dovrebbe esserci un leggero miglioramento. Almeno in alcuni settori. Infatti, la stima di Uiltucs (sindacato del settore terziario) è che nell’ambito del commercio, dei servizi e del turismo quest’anno le retribuzioni dovrebbero aumentare in media del 3,6%. Un dato simile a quello del 2023, ma la differenza è che per quest’anno si prevede che l’inflazione sarà decisamente più bassa.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Unico evento pubblico di Carnevale a Catanzaro, era inizialmente previsto per l'11 febbraio ma è stato rinviato a causa del cattivo tempo
La delegazione dei manifestanti ha portato al Vaticano la mucca Ercolina e un trattore da dare in dono al Pontefice
I vigili del fuoco sono al lavoro ininterrottamente. Annunziato lo sciopero nazionale di due ore indetto da Cgil e Uil per le morti sul lavoro
I malviventi hanno messo fuori uso le telecamere per rubare il patrimonio pubblico, provocando un danno di 80 mila euro
L'azzurro ha battuto in finale Alex De Minaur. Sarà il primo italiano a spingersi così in alto da quando esiste il ranking computerizzato nel tennis maschile
La presenza dell'arcivescovo al convegno "No all’autonomia differenziata, Si all’Italia unita dei Comuni” non è piaciuto al partito di Salvini
Il volontario 41enne regala sorrisi ai piccoli pazienti oncologici. Ha ricevuto la benedizione del Pontefice per lettera, ma lo vuole vedere di persona
“E se neanche gli arredi sono dignitosi, immaginiamo cosa accade nei settori più importanti!”, sostiene il consigliere regionale
Geograficamente la quantità di sanzioni si concentra di più a Nord, dove si paga l'84,3% dei verbali; solo il 15,7% è fra Sud e Isole
Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha accolto la tesi della difesa. La casa di cura era stata accusata per smaltimento illecito di rifiuti sanitari pericolosi
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved