Calabria7

Calabria in zona gialla. I ristoratori catanzaresi: “Siamo pronti ad accogliere i nostri clienti” (VIDEO)

di Damiana Riverso – Emozione e voglia di fare, di ricominciare, nonostante le delusioni, le difficoltà, i mesi trascorsi con la paura di non farcela. Con questo spirito le attività che finora sono state chiuse totalmente o in maniera parziale hanno riaperto i battenti con il passaggio della Calabria in zona gialla.

A tirare il vero sospiro di sollievo sono stati i ristoratori, forse la categoria più colpita finora dalle restrizioni imposte dalla pandemia di Coronavirus, costretta a subire chiusure totali o lavorare solo d’asporto e fino alle 18. Oggi seppur sempre con la limitazione dell’orario, ristoranti e bar catanzaresi hanno ripreso il servizio ai tavoli, la colazione, l’aperitivo e il pranzo e dopo le 18 potranno continuare fino alle 22 l’asporto. Una ripartenza a metà, ma pur sempre una ripartenza importante. “Non ho mai pensato di mollare, abbiamo fatto sacrifici e continueremo a farli ma chiudere mai”. Seppur in evidente difficoltà, con le bollette che ogni mese sono arrivate puntuali, non certo come i ristori e la cassa integrazione, i ristoratori cercano un ritorno alla realtà augurandosi di non chiudere più.

“Siamo pronti a ripartire, abbiamo sempre seguito le regole, ci siamo preparati e ora non ci resta che accogliere i nostri clienti. Siamo certi che tutti hanno bisogno di un po’ di normalità, sempre e comunque nel rispetto delle regole che ci permettono di restare aperti”.  Regole rispettate ma non sempre condivise, sono in tanti a pensare che la chiusura serale sia eccessiva: “Sarebbe bastato un maggiore controllo del territorio e con il distanziamento ai tavoli, il numero ridotto di persone e tutti gli accorgimenti in linea con la normativa potevamo benissimo aprire la sera. Così si rischia anche troppa folla a pranzo, invece con la cena i clienti si potevano distribuire meglio”.

Questi mesi sono stati indubbiamente difficili, sopratutto sul piano economico, le entrate sono state minori rispetto alle uscite e anche gestire l’asporto non è stato facile, perché le forniture per le confezioni hanno un costo. Ma la voglia di buttarsi tutto alle spalle non ha prezzo, seppur consapevoli di dover convivere con il virus e con le regole che ci ha imposto da oggi la Calabria è “libera” di sorridere davanti a un caffè.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Gimigliano, attesa per lo spettacolo di Luca Vullo

Matteo Brancati

Viaggio nelle diocesi, lo speciale TV sulla Passione di Cristo (VIDEO)

manfredi

Consentivano la consumazione anche all’interno del locale, multati 2 locali a Catanzaro

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content