Calabria7

Calabria in zona rossa e Spirlì vieta anche l’asporto: commercianti in ginocchio

ristoranti cts

di Damiana Riverso – La Calabria si appresta a vivere le ultime ore in zona arancione. Da domani si colorerà di rosso e scatteranno una serie di restrizioni anti-Covid che già fanno discutere. Il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì, ha già firmato l’ordinanza che recepisce quella del ministero della Salute. “Dal report di monitoraggio settimanale è emerso che la Regione Calabria presenta un’incidenza superiore a 50 casi ogni 100mila abitanti e si colloca a un livello di rischio moderato ad alta probabilità di progressione e che i dati regionali correnti confermano un trend verso la soglia di rischio elevato, con costante crescita del numero assoluto dei casi confermati, rispetto alla settimana precedente, con aumento anche del tasso di positività superiore alla media nazionale, unitamente all’incremento del numero di posti letto occupati in area medica e terapia Intensiva”. Queste le motivazioni che hanno spinto la cabina di regia ad assegnare alla Calabria il colore rosso.

Stop all’asporto: nuova gaffe di Spirlì?

Da domani entreranno così in vigore tutte le restrizioni previste nell’area rossa che saranno leggermente più flessibili nei giorni di Pasqua quando sarà possibile fare visita a un parente e un amico spostandosi all’interno del territorio regionale. Ma nell’ordinanza di Spirlì c’è qualcosa con torna. Una dimenticanza o un vero e proprio irrobustimento delle restrizioni? La categoria colpita è quella della ristorazione. Nell’ordinanza a firma di Spirlì si legge che è prevista “la sospensione delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità e la sospensione dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) restando consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio”. Il Dpcm a cui fa riferimento l’ordinanza regionale è quello del 2 marzo scorso nel quale però si legge: “resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice Ateco 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00”.

Colpo di grazia per bar e pasticcerie

Quindi nel Dpcm a firma di Draghi l’asporto è consentito. Cosa è successo nell’ordinanza calabrese? Non avere la possibilità di fare asporto mette in ginocchio ancora di più la categoria della ristorazione, finora tra le più colpite in questa pandemia, che sta subendo gravissime perdite, soprattutto in un periodo di festa dove sicuramente si lavora di più. Pensiamo alle pasticcerie che in questo momento sono in piena produzione dei dolci pasquali, ma di questi quanti davvero saranno consegnati a domicilio se l’asporto gli viene negato? In questo ultimo anno il settore ristorazione si è reinventato, cercando di sopravvivere alla pandemia con ogni mezzo, si è lavorato di più a pranzo, si è puntato tutto sulla consegna a domicilio ma non è bastato. I ristori attivati in questi mesi non sono stati comunque sufficienti in molti casi a sostenere le spese, qualcuno ha già chiuso, altri non vogliono e non possono mollare. Da domani le strade della Calabria saranno di nuovo deserte, si esce solo per motivi collegati a lavoro, necessità e salute e senza neanche un caffè da asporto, nella tazzina in plastica e consumato lontano dal bar.

Spirlì “corregge” l’ordinanza e chiarisce: “Nessun divieto all’asporto”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Chiesto il rinvio a giudizio per Prendocasa. Che non molla

Francesco Cangemi

Coronavirus, scuola: tutti gli studenti saranno promossi. Il governo pensa a questa ipotesi

Matteo Brancati

Mendicino, bilancio positivo per la sesta edizione di Radicamenti

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content