Calci e pugni alla moglie sotto gli occhi dei figli, rinviato a giudizio

Vessata dal marito sotto gli occhi dei figli minorenni, costretta a vivere nel perenne timore per la sua vita. In preda ai fumi dell’ alcol e della droga, avrebbe minacciato, insultato la sua compagna: “non sai fare la madre, lasciami i bambini e vattene” e poi dalle parole ai fatti il passo è stato breve. Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e di lesioni personali aggravate , il gup del Tribunale di Catanzaro Antonio Battaglia ha rinviato a giudizio I. E. B., 34 enne, di nazionalità marocchina, ma residente nel capoluogo di regione, accogliendo la richiesta del pubblico ministero, richiesta alla quale si è associato il legale di parte civile, l’avvocato Donatella Montesano. Era il mese di agosto  2018, quando è iniziato un incubo fatto di violenze e prevaricazioni inflitte alla donna senza soluzione di continuità. L’uomo, per il quale è stato disposto il divieto di avvicinamento alla moglie, l’avrebbe picchiato e aggredita  per i motivi più futili, sferrandole calci e pugni su tutto il corpo, provocandole lesioni personali. Sarebbe arrivato perfino a picchiare la suocera e un amico di questa, mentre si trovavano a bordo di un’auto in compagnia dei suoi figli, come ritorsione per aver spinto la moglie a recarsi dai carabinieri e per aver rifiutato di consegnargli i bambini. Accuse aggravate, perché commesse davanti ai figli minorenni. Il processo a carico dell’imputato, difeso dall’avvocato Michele De Cillis inizierà il prossimo 25 settembre.  (g. p.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
Il giovane di 22 anni, di Bologna, ridotto in fin di vita l'11 agosto del 2022 nella città pitagorica dove si trovava in vacanza
"Sarà per tutti l’occasione per rivivere storie e le leggende legate ad uno dei luoghi più attrattivi della città"
Giusy Orlando, prima dell’arrivo nel Capoluogo per partecipare all’udienza aveva auspicato la presenza di un rappresentante del Comune
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved