Calabria7

Calcio, il giovanissimo portiere del Rieti Rosati commuove tutti

(D.C.) – Una partita non giocata può commuovere? Sì, e per mille aspetti, per giunta. A strappare le lacrime, infatti, è stato Giovanni Rosati, estremo difensore della Berretti del Rieti, che ieri non ha potuto scendere in campo contro la Reggina a causa di problemi societari e burocratici forse, a breve, causa dell’esclusione dal girone C di terza serie dello stesso club laziale intanto costretto a schierare i suoi giovanissimi.

Il ragazzo che parla, comunque sia, ha appena 18 anni e in un’intervista, rilasciata qualche ora fa al cronista Antonello Battaglia, ha più o meno detto così: “Non sono Buffon e non lo sarò. Mai. Non diventerò neppure un campione, capace di militare in A. Ma ieri avevo un sogno, che mi è stato negato. Di cosa parlo? Della possibilità di parare un rigore a Denis, ex nazionale argentino, o a Reginaldo, atleta brasiliano di una certa classe, desiderio di chiunque calchi un campo nel ruolo di portiere. Avrei però almeno potuto chiedere la maglia autografata di Guarna, un collega – mi permetto di definirlo in tal modo – che ha conosciuto da vicino la B. Certo non avrei potuto ricambiare, considerato che la dirigenza ci ha fornito una sola divisa, però sono sicuro avrebbe capito facendomi contento. E invece niente. Di questa giornata – ha chiosato – non mi resterà ricordo o traccia. Neppure un piccolo aneddoto da raccontare quando nel prossimo futuro, quasi sicuramente, sarò impegnato a lavorare nella bottega della mia famiglia, magari a qualche cliente appassionato di calcio. Un motivo d’orgoglio per chi crede ancora in uno sport meraviglioso”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro perde il suo Maestro, muore Saverio Rotundo detto “u Ciaciu”

manfredi

Scoperta vasta piantagione di marijuana nel Cosentino

Mirko

Simona Ventura ad Acri per Bohème

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content