Calabria7

Caldo rovente, previsto maltempo e crollo termico dopo Ferragosto

maltempo-alt

Italia nella morsa di un caldo record. Oggi 13 agosto sono ben 15 le città da bollino rosso, al livello 3 di allerta che “indica condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche”. I centri urbani più caldi: Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti, Roma, Trieste e Viterbo. E domani 14 agosto la lista si allunga a 17 città con Ancona e Napoli. L’ondata di caldo toccherà il culmine al Centro-Nord durante il weekend di Ferragosto. Previsti picchi termici notevoli anche in Valle Padana, fino a 38 gradi, ma con disagio esaltato dagli elevati tassi d’umidità che porteranno ad afa opprimente, soprattutto di notte e nei grandi centri urbani. Non mancherà qualche temporale sull’Arco Alpino, con qualche sconfinamento sulle vicine aree pedemontane.

Crollo termico dopo Ferragosto

L’attività temporalesca si intensificherà nella domenica di Ferragosto, a causa dei primi cenni di cedimento dell’anticiclone africano. I crescenti temporali di Ferragosto saranno un evidente segnale di un’inversione di rotta, per l’approssimarsi di una circolazione d’aria fresca che accompagnerà una perturbazione più incisiva. Il peggioramento entrerà nel vivo ad inizio settimana, con temporali che dilagheranno dalle Alpi alla Val Padana, specie per quanto concerne le pianure centro-orientali a nord del Po. Al seguito della perturbazione farà ingresso aria fresca, che gradualmente nei giorni successivi si farà strada verso tutto il bacino centrale del Mediterraneo, a scalzare la calura africana. Tra il 16 e il 17 agosto – spiegano i meteorologi – arriverà su tutta l’Italia la classica burrasca di Ferragosto, una vera e propria tempesta.  Al Sud il maltempo arriverà più attenuato ma non mancheranno temporali ed un brusco calo delle temperature con l’arrivo del Maestrale che renderà agitati i mari, fino a livelli di burrasca (Adriatico e Tirreno).  I flussi da nord porteranno il tanto agognato refrigerio, con temperature che caleranno bruscamente anche di 10 gradi fino a riportarsi nella media stagionale. Oltre al Nord, saranno probabilmente coinvolte anche le regioni centrali, con rischio di fenomeni occasionalmente violenti dato il contrasto con l’aria molto più calda preesistente. Questo cambio di scenario spezzerà la calura, probabilmente solo temporaneamente. Previsti forti temporali, grandinate e locali nubifragi, e un crollo termico di 12 gradi non solo al Centronord, ma anche al Sud. Secondo il team del sito ‘iLMeteo.it’ , sulla base dei dati del Centro Europeo di Reading ECMWF, sarà come se la configurazione meteorologica mutasse improvvisamente dall’estate all’autunno a seguito di una tempesta che dal Nord Europa si dirigerà verso l’Italia.

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il libro come terapia nei reparti di pediatria dell’ospedale di Catanzaro

manfredi

Mons. Savino alle istituzioni: fenomeno prostituzione dilagante

manfredi

Walter Varano, è calabrese uno dei 12 vegan man europei (SERVIZIO TV)

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content