Carcere di Rossano, annullato il sequestro di telefoni cellulari a carico di due detenuti

L’avvocato: “Ogni smartphone rinvenuto in carcere è un indizio di reato, ma è mancata la prova del coinvolgimento dei miei assistiti”

Il Tribunale del riesame di Cosenza ha annullato il sequestro di cellulari e altri oggetti elettronici a carico di due detenuti nel carcere di Rossano effettuato il 7 febbraio scorso. In quella occasione, la Polizia penitenziaria sequestrò numerosi cellulari a carico di un centinaio di detenuti, molti dei quali ristretti nei reparti di alta sicurezza. Il sequestro è stato poi convalidato per tutti tranne che per M.G. e P.G., entrambi difesi dall’ avvocato Mario Alberelli del Foro di Cosenza.

“Sono particolarmente soddisfatto – afferma il legale in una nota – non solo perché è stato annullato il sequestro nei confronti dei miei assistititi, ma anche perché il Tribunale del Riesame, in una composizione così altamente qualificata, ha accolto tutti i motivi di ricorso che ho suggerito”. Il Collegio, accogliendo l’istanza dell’avvocato Alberelli, ha ritenuto illegittimo il sequestro e la successiva convalida, per erronea attribuzione agli indagati dei beni oggetto di sequestro.

La tesi dell’avvocato di difesa

Secondo quanto riferito dal legale non è stato dato l’avviso ai detenuti di nominare un difensore dal momento che il sequestro è stato fatto il 6 febbraio, ma solo il giorno successivo i detenuti sono stati avvisati che potevano farsi assistere da un difensore. Il legale ha anche sottolineato la differenza tra il decreto della Procura, dove si afferma che i cellulari erano “detenuti nelle camere di pernottamento”, ed il verbale di sequestro della Polizia penitenziaria dove invece si dice che i “cellulari erano nell’areatore metallico del bagno delle camere”.

Luogo, ha evidenziato il legale, dove i cellulari potrebbero essere stati messi da chiunque. “Ogni smartphone rinvenuto in carcere – sostiene l’avvocato Alberelli – è sicuramente un indizio di reato, ma è mancato il legame tra i due detenuti del reparto di alta sicurezza ed il materiale elettronico che potrebbe aver lasciato chiunque”. I telefoni, ovviamente, costituendo comunque un reato, sono rimasti a disposizione della Procura di Castrovillari. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved