Calabria7

Carceri, detenuto aggredisce guardia a Cosenza

carceri reggio-alt

Un uomo detenuto nel carcere di Cosenza per l’espiazione di una pena per tentato omicidio ha aggredito un agente della polizia penitenziaria, utilizzando un ventilatore.

Il poliziotto penitenziario, rendono noto Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, e Damiano Bellucci, segretario nazionale dello stesso sindacato, è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, dove gli è stata riscontrata la frattura del polso ed è stato giudicato guaribile in 30 giorni. “Nell’istituto penitenziario di Cosenza, lo scorso 31 maggio, erano presenti 220 detenuti, gestiti – fanno rilevare i due sindacalisti – da un organico della Polizia penitenziaria insufficiente. Si registra una carenza di organico, in tutti i ruoli, di oltre 30 unità di Polizia penitenziaria, posto che a fronte di una previsione di complessive 169 unità, comunque non sufficienti, ne risultano assegnate solo 139.

Su questa problematica il Sappe, nei giorni scorsi, ha interessato la direzione generale del personale del D.A.P. per evidenziare che l’organico della struttura penitenziaria cosentina è sottodimensionato ed anche rispetto a quello previsto si registrano consistenti carenze. A tal proposito abbiamo chiesto al Dipartimento l’adozione di ogni utile iniziativa finalizzata all’adeguamento dell’organico della Polizia penitenziaria della casa circondariale di Cosenza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Autobus del trasporto urbano in fiamme a Catanzaro

Sergio Pelaia

Cosenza, così la salvezza diventa utopia: al “Marulla” passa anche il Frosinone

Antonio Battaglia

Migranti, sgomberata una palazzina occupata nel Cosentino

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content