Calabria7

Servizi di ristorazione e pulizia a esponenti ‘ndrangheta, Caronte in amministrazione giudiziaria

caronte ndrangheta

La “Caronte & Tourist Spa“, società di navigazione privata che effettua il traghettamento tra Calabria e Sicilia, è stata posta in amministrazione giudiziaria per sei mesi nell’ambito di un provvedimento eseguito questa mattina dalla Dia di Reggio Calabria. Secondo l’indagine, denominata “Scilla e Cariddi“, coordinata dalla procura distrettuale della Repubblica reggina guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri, la società, valutata 500 milioni di euro, avrebbe agevolato esponenti della ‘ndrangheta.

Le indagini

Il decreto del Tribunale è stato emesso su richiesta dei sostituti procuratori Stefano Musolino e Walter Ignazitto, coordinati dai procuratori aggiunti Calogero, Gaetano Paci e Giuseppe Lombardo, che hanno delegato alla Dia gli accertamenti patrimoniali. Le indagini avrebbero fatto emergere, anche grazie alle convergenti dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia, la permeabilità della società Caronte & Tourist Spa rispetto ad infiltrazioni della criminalità organizzata, nonché l’agevolazione garantita dalla stessa società in favore di più soggetti legati alla ‘ndrangheta.

In particolare sarebbero stati individuati in Domenico Passalacqua, già destinatario di una misura di prevenzione personale e patrimoniale, ed in Massimo Buda (quest’ultimo anche nella qualità di rappresentante del padre Santo, esponente apicale dell’omonima cosca), entrambi dipendenti del società marittima, i portatori degli interessi della ‘ndrangheta, agevolati da Caronte & Tourist Spa.

Servizi di ristorazione, assunzioni e promesse di carriera

Gli interessi economici dei due sarebbero stati garantiti attribuendo a imprese a loro collegate vari servizi all’interno delle navi facenti la spola tra le coste siciliane e calabresi. Le imprese nella disponibilità di Buda e Passalacqua, in particolare, avrebbero gestito, ricavandone ingenti profitti, i servizi di bar-ristorazione e quelli di pulizia e disinfestazione a bordo delle imbarcazioni, nonché i servizi di prenotazione per gli autotrasportatori che si imbarcano sui traghetti del Gruppo Caronte & Tourist.

Gli esponenti delle cosche sarebbero stati anche agevolati tramite l’assunzione di personale da loro segnalato e, nel caso di Passalacqua, garantendo la retribuzione anche durante la latitanza e la sottoposizione a misure cautelari. A Buda, infine, sarebbe stata garantita “una rapida e brillante progressione in carriera”, con la capacità di promuovere e gestire le nuove assunzioni e con la delega conferitagli per la risoluzione delle controversie tra dipendenti o con i fornitori.

L’amministrazione giudiziaria è finalizzata ad intervenire nella governance di Caronte & Tourist Spa, in funzione di “bonifica ed impermeabilizzazione” della struttura aziendale dal rischio di future ed ulteriori contaminazioni criminali ed interferenze mafiose. La nota compagnia di navigazione ha un capitale sociale di 2.374.310 euro e vanta numerose partecipazioni in altre società, insieme alle quali svolge, in massima parte, servizi di navigazione non solo sullo stretto di Messina, ma anche in ulteriori tratte tra la Sicilia e altre destinazioni. Gli accertamenti investigativi avrebbero anche evidenziato come Massimo Buda rappresenti la “longa manus” del padre Santo, condannato in appello, nello scorso ottobre, alla pena di 14 anni e 8 mesi di reclusione, nel processo “Sansone”, perché ritenuto il reggente della cosca Buda-Imerti di Villa San Giovanni.

 

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, amministrazione giudiziaria per la società dei traghetti “Caronte & Tourist”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Giovane cosentino muore in una clinica psichiatrica. La Procura apre un’inchiesta

Damiana Riverso

Coronavirus, rettore Università Reggio sospende tutte le attività

Matteo Brancati

Legacoop, prima riunione del coordinamento di Reggio

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content