Calabria7

‘Cartello’ degli appalti nel Cosentino, la procura di Paola chiude l’inchiesta: 16 gli indagati

caporalato tribunale Paola

La Procura di Paola (Cosenza) ha chiuso l’inchiesta sul presunto cartello di imprese che avrebbe condizionato alcuni appalti nell’area dell’Alto Tirreno cosentino, nei confronti di sedici persone. Tra gli indagati spiccano Luigi Cristofaro e Luigi Del Vecchio che, per l’accusa, sarebbero stati “promotori e capi dei un vero e proprio cartello di professionisti che mira ad eludere le regole della libera concorrenza e trasparenza degli appalti al fine di ottenere il legittimamente l’aggiudicazione e dividerne gli importi tra tutti gli associati”. In particolare, secondo l’accusa, ciò “sarebbe avvenuto attraverso la presentazione di offerte precedentemente concordate tra gruppi formalmente distinti ma tutti agenti per conto dell’organizzazione. Nello specifico il programma criminoso prevedeva di partecipare a numerose gare d’appalto indette da enti comunali”.

L’avviso di conclusione delle indagini riporta due capi d’imputazione omissati per i quali la Procura continua a indagare, in merito all’esistenza di una loggia segreta collegata, in qualche modo, alle presunte attività illecite. Tre degli indagati sono stati accusati anche di aver falsificato le firme dell’ex sindaco di Belvedere Marittimo e due ingegneri.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Bimba si perde in spiaggia, ritrovata grazie a cani di salvataggio

Matteo Brancati

Le Castella, arrestato per furto d’energia elettrica il titolare di un bar

mario meliadò

BROOKLYN | Gli imprenditori Sgromo “punto di riferimento” della cosca Iannazzo di Lamezia

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content