Caso Calabria, Gaudio: “Avevo chiesto tempo ma c’è stata fuga notizie”

gaudio

“Ho spiegato al presidente che non potevo accettare per motivi personali e familiari”, afferma Eugenio Gaudio in un’intervista al Corriere della Sera, per spiegare il rifiuto dell’incarico di commissario della sanità in Calabria. “Sgombro subito il campo. Non ho detto di ‘no’ per via della questione di Catania (indagato per un concorso universitario) perché nel pomeriggio il mio avvocato mi ha comunicato che il procuratore ha depositato la richiesta di archiviazione nei miei confronti. Dai tabulati risultava del resto la mia estraneità alla vicenda. Ho spiegato al presidente che non potevo accettare per motivi personali e familiari. Non dico altro, non è colpa di nessuno. Sono questioni che riguardano l’intimità di una famiglia: io mi sarei trasferito a Catanzaro per lavorare 14 ore al giorno come sono abituato, avrei preso l’impegno sul serio. Mi sarei applicato in modo analitico, con me ci sarebbero stati dei consulenti”.

L’ex rettore della Sapienza di Roma continua: “Ho parlato lunedì mattina con il presidente Conte e il ministro Speranza. Mi hanno trasmesso la loro stima per come ho guidato la Sapienza, mi hanno detto che tra l’altro era importante il mio essere calabrese per un incarico come quello di commissario ad acta per la Sanità” ma poi “ho chiesto tempo per rifletterci. Sono stato tutta la giornata in ateneo e la sera quando sono tornato a casa ne abbiamo parlato. E abbiamo deciso di no”. Nel frattempo la nomina era già finita sui giornali: “Sono fughe di notizie”, conclude Gaudio.

L’ex rettore della Sapienza di Roma continua: “Ho parlato lunedì mattina con il presidente Conte e il ministro Speranza. Mi hanno trasmesso la loro stima per come ho guidato la Sapienza, mi hanno detto che tra l’altro era importante il mio essere calabrese per un incarico come quello di commissario ad acta per la Sanità” ma poi “ho chiesto tempo per rifletterci. Sono stato tutta la giornata in ateneo e la sera quando sono tornato a casa ne abbiamo parlato. E abbiamo deciso di no”. Nel frattempo la nomina era già finita sui giornali: “Sono fughe di notizie”, conclude Gaudio.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
Il ministro Valditara parla di decisione presa "sia per questioni didattiche sia perché spesso l'utilizzo improprio è elemento di tensione"
"Dateci la possibilità di riunirci con le nostre famiglie - dice il 41enne siriano - per aiutarci a superare questa sofferenza"
A salvare da donna è stato un vicino di casa che ha sentito le urla ed ha scavalcato il cancello riuscendo a far allontanare il cane
L'incarico al presidente del Consiglio regionale calabrese. Il suo omologo del Lazio, Antonello Aurigemma, è invece il nuovo presidente
Diversi gli episodi raccontati dai due ragazzi che descrivono il padre come una persona assente e distaccata, dai comportamenti minacciosi che degeneravano in vere e proprie aggressioni fisiche
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved