Calabria7

Catanzarese ristrettro ai domiciliari nascondeva panetti di hashish davanti la finestra di casa

Gli agenti della sezione Volanti della Questura di Catanzaro, nella serata di sabato, hanno arrestato D.S.,  26enne catanzarese pregiudicato ristretto agli arresti domiciliari. Nella serata del 14 agosto, i poliziotti transitando dinanzi l’abitazione di D.S., nel quartiere Lido di Catanzaro, hanno notato la grata della finestra, posta al piano terra, completamente aperta. L’insolito particolare ha indotto gli agenti a defilarsi e mantenersi alcuni minuti in osservazione, finché hanno sorpreso il ragazzo sporgersi innaturalmente, verosimilmente per buttare qualcosa. Alla luce del fatto che il giovane, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, era stato già in più circostanze trovato in possesso di cospicui quantitativi di stupefacenti, hanno fatto perquisito il detenuto e il suo domicilio con il supporto di un altro equipaggio della Squadra Volante nel frattempo fatto confluire sul posto.

La perquisizione

Sporgendosi dalla finestra da cui si era affacciato D.S., gli operanti hanno trovato un involucro in cellophane contenente 5 panetti di hashish. All’esito della perquisizione domiciliare, gli agenti hanno trovato altri due involucri in cellophane contenenti cocaina, un altro pezzo di hashish, avvolto in un sacchetto trasparente riportante un simbolo identico a quello dei 5 panetti rinvenuti all’esterno della finestra, un bilancino di precisione ancora intriso di polvere bianca e 210 euro contanti frutto verosimilmente dell’attività di spaccio. All’esito delle analisi eseguite da operatori del locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, la polvere bianca risultava essere cocaina, avente un peso complessivo lordo 43,84 grammi; i panetti risultavano essere 579 grammi di hashish. D.S. è stato quindi tratto in arresto e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, associato presso la casa circondariale di Siano.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Formazione dei tirocinanti, Anastasi: “Dalla Regione l’ok a due mesi di proroga”

Maurizio Santoro

Impugna il coltello e aggredisce la compagna, in manette 49enne crotonese

Giovanni Bevacqua

Infermiere carbonizzato nel Vibonese, tutti assolti: “Non fu omicidio ma suicidio”

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content