Catanzaro, Bosco: “Su via Scopelliti Comune attiva divieti di sosta e poi li elimina”

Nota stampa del consigliere comunale Gianmichele Bosco sulla viabilità di Via Scopelliti la quale, secondo lo stesso, sarebbe stata oggetto di divieti di sosta mai attivati ed eliminati.

“A completamento di un’approfondita verifica tecnica, sulla base anche delle osservazioni fornite dalla commissione mobilità e traffico, il Comando di Polizia locale ha disposto nei giorni scorsi un’ordinanza che disciplina la viabilità su via Scopelliti modificando parzialmente i provvedimenti assunti lo scorso ottobre”. Queste le dichiarazioni, di ieri, del Consigliere Angotti che invece di applaudire dovrebbe fare “mea culpa”. Nell’ultimo periodo ciò che si è verificato ha dell’assurdo. L’amministrazione si è prodigata ad installare in fretta e furia una serie di divieti di sosta su Via Scopelliti ma mai attivati.

“A completamento di un’approfondita verifica tecnica, sulla base anche delle osservazioni fornite dalla commissione mobilità e traffico, il Comando di Polizia locale ha disposto nei giorni scorsi un’ordinanza che disciplina la viabilità su via Scopelliti modificando parzialmente i provvedimenti assunti lo scorso ottobre”. Queste le dichiarazioni, di ieri, del Consigliere Angotti che invece di applaudire dovrebbe fare “mea culpa”. Nell’ultimo periodo ciò che si è verificato ha dell’assurdo. L’amministrazione si è prodigata ad installare in fretta e furia una serie di divieti di sosta su Via Scopelliti ma mai attivati.

Qualche giorno addietro sono invece stati stranamente eliminati e poi si è provveduto a intervenire sulla mobilità della zona. Quindi prima si interviene, si prendono provvedimenti e poi si torna indietro. Tanto a pagare sono i cittadini. Un po’ come è stato fatto per le strisce blu installate in alcune zone della città prima del piano complessivo sulla mobilità o degli stalli di sosta prima eliminati e poi rifatti. Un’amministrazione che si trincera dietro il fatto di non avere denaro in cassa non dovrebbe consentire così agevolmente sprechi di risorse. Proprio a tal proposito lascia alquanto basiti la dichiarazione da parte del Consigliere di maggioranza Angotti al quale chiedo quale è stata la spesa derivante dalla solita superficialità che contraddistingue la sua maggioranza.

Ma vi è di più! Si interviene sulla mobilità di Via Scopelliti (Via secondaria) ma non sull’incuria dominante dell’area. La zona in questione, situata alle porte del centro cittadino, ad origine doveva avere lo scopo di essere una zona residenziale con lo stanziamento di numerosi uffici e, come tanti altri punti della città, doveva essere il fiore all’occhiello di un capoluogo, ormai sempre più allo sbando. Ed invece le zone verdi sono totalmente abbandonate, i parchetti non fruibili.

Pensiamo a quello di Via Massara (via limitrofa) che ormai da tempo immemore è destinato all’incuria e all’abbandono più completo. Numerosi sono stati gli interventi anche in sede di Commissione Consiliare al fine di addivenire ad una soluzione per la manutenzione e la gestione dei parchi ma la risposta da parte dell’amministrazione non c’è stata. Il silenzio assordante fa paura. A questo punto mi chiedo quale sarà il prossimo scempio. Tanto a pagare saremo sempre noi cittadini!”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved