Calabria7

Catanzaro, Celia: “Quartieri devono recuperare dignità. Degrado in via Melito Porto Salvo”

“I quartieri di Catanzaro devono recuperare la loro dignità. Troppe zone della città vivono disservizi e l’impegno di noi rappresentanti dei cittadini, scelti da loro per governare la città, dovrebbe spingerci ad occuparci solo di questo. Eppure il degrado rimane e la rabbia dei cittadini aumenta.” Questo il commento del consigliere comunale di Fare per Catanzaro, Fabio Celia, in merito alle condizioni in cui vengono lasciati i residenti di via Melito Porto Salvo, nel centro di Lido, nei pressi dell’istituto Geometra, dove strade in pessime condizioni si sommano ad episodi di inciviltà.

“Passare per una via frequentata del quartiere Lido, così come in tante altre vie della zona sud della città, e prendere atto di rifiuti ingombranti accatastati per le strade e i marciapiedi, l’erba non tagliata e le strade in condizioni penose, fa comprendere cosa significa quel lamento sempre più comune espresso dai catanzaresi e che si sintetizza nella frase “ormai siamo soli e abbandonati”. Ecco, questa è la frase della rassegnazione – prosegue Celia – e la rassegnazione nasce dalla delusione. Pertanto, affermare che sono numerosi i catanzaresi delusi dalla politica non è azzardato.

I cittadini si attendono che chi li governa pensi a loro e al bene pubblico ed allora dobbiamo adoperarci per essere presi sul serio. Un politico incapace crea pregiudizi anche sui politici capaci. Quindi – conclude Celia – noi consiglieri comunali tutti siamo chiamati a diventare più credibili. Ma solo rispondendo alle esigenze dei cittadini lo si diventa. Si intervenga sui quartieri abbandonati a se stessi e si faccia di Catanzaro una città che funziona”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Decreto sanità: atto incostituzionale, solo ulteriori danni per i calabresi”

Carmen Mirarchi

Catanzaro, alle porte di Lido c’è povera gente che vive come “bestie”

Danilo Colacino

Precari ospedale, lo sfogo di un lettore:”Le leggi vanno rispettate”

Antonia Opipari
Click to Hide Advanced Floating Content