Catanzaro-Cosenza, il derby di Vivarini e Caserta: le dichiarazioni della vigilia

Il tecnico giallorosso si ispira a Sinner e incassa i complimenti dell'avversario: "Sta facendo un grandissimo campionato"

Il Catanzaro dovrà approcciare al derby di Calabria seguendo il modello di… Jannik Sinner. Così ha esordito Vincenzo Vivarini nella conferenza stampa della vigilia che ha preceduto il match più atteso della stagione. “Oggi mi sono divertito a vedere la partita di Coppa Davis – ha detto – dove Sinner ha dimostrato qualità tecnica e organizzazione, determinazione e sangue freddo: tutte caratteristiche che serviranno a noi e che faranno la differenza”.

Due settimane di preparazione per correggere gli errori che hanno portato ai tre ko di fila: “ll derby è molto sentito da parte di tutti. Noi abbiamo cercato di mantenere tranquillo l’ambiente e abbiamo lavorato sodo su alcuni errori che abbiamo commesso nelle ultime partite. Abbiamo lavorato bene, con applicazione e concentrazione”. Un aiuto verrà dagli oltre 12mila cuori giallorossi: “Ci sarà un apporto importantissimo da parte dei tifosi, a cui bisogna dar merito per la passione e il trasporto che hanno. Spero che sia uno spot per tutta la Calabria e che vada nel miglior modo possibile”.

Il Cosenza è un avversario ostico, dalle individualità molto forti: “E’ una squadra che conosce la categoria, è forte sia in attacco che a centrocampo. Noi abbiamo dimostrato di essere all’altezza della Serie B e dobbiamo affrontarli con la consapevolezza di essere una grande squadra. In questa partita conta solo il risultato: dobbiamo andare oltre le problematiche. E’ la partita giusta per mettere in mostra tutto ciò che facciamo al meglio e che abbiamo fatto finora”. In casa giallorossa l’unico assente è Situm: “A parte lui stanno tutti abbastanza bene. Andrà in campo chi sta meglio, ma la formazione la dirò domani”.

La vigilia rossoblù

Calma serafica la dimostra anche Caserta. Il Cosenza viene da tre risultati utili consecutivi e arriva a questo match con l’obiettivo di uscire dal “Ceravolo” con i tre punti. “Questo derby è atteso da prima dell’inizio del campionato e finalmente è arrivato. L’attesa porta via energie mentali e fisiche, ma abbiamo lavorato serenamente. I derby sono partite particolari, tutti noi sappiamo cosa si aspettano i tifosi. Affrontiamo una squadra forte e servirà una grande prestazione, ma abbiamo già dimostrato di poterlo fare soprattutto fuori casa”.

Elogi per gli avversari: “Il Catanzaro è in salute, gioca bene e sta facendo un grandissimo campionato. Non conosco personalmente Vivarini ma voglio fargli i complimenti perché sta facendo grandissime cose. E’ una squadra con una spiccata identità e con ottimi palleggiatori, che in costruzione e in fase di non possesso gioca diversamente”. 

Caserta non svela la formazione che ha in mente per il derby, ma parla dei singoli: “Canotto sta molto meglio rispetto a due settimane fa, così come Florenzi. Tutino può giocare ovunque, ogni tanto mi arrabbio con lui perché deve fidarsi di me: ho visto calciatori giocare in A con meno qualità di lui“. Chiusura sui tifosi: “Sono stati bravissimi ad incitarci dicendo di pensare al campo lasciando a loro le tensioni. E’ inevitabile sentire il match, ma noi siamo pronti”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Accolta dai giudici la perizia sulla parasonnia: al momento dei fatti l'uomo non era del tutto cosciente
La pronipote è stata posta ai domiciliari, con l'uso del braccialetto elettronico, ed è accusata di circonvenzione di incapace e omicidio aggravato
Il professionista replica alle accuse e tira dritto: "E' falso, presenterò 200 firme di miei pazienti che confermano la mia competenza"
Da venerdì della scorsa settimana il guasto ha causato diversi disagi e nonostante i solleciti dell’Aned non è stato ancora riparato
Pubbliredazionale
Il pizzaiolo di “Mordì” nel quartiere Pontepiccolo a Catanzaro ha fatto incetta di premi nella prestigiosa competizione
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved