Non è possibile copiare i contenuti di questa pagina

Calabria7

Catanzaro, Costanzo: “Dipendenti SE.GI. senza stipendio, urge chiarezza”

“I dipendenti dell’azienda SE.GI. non hanno ricevuto ancora gli stipendi. Mi faccio interprete del disagio manifestatomi e domando: come è possibile e per quali ragioni tanti lavoratori non hanno avuto la dovuta retribuzione? Per quanto mi consta, vi sono aziende che, hanno provveduto ad effettuare i pagamenti, anche grazie a preventivi accantonamenti stanziati a copertura o, ad accordi con istituti bancari al fine di garantire la retribuzione ai dipendenti e alle loro famiglie. La domanda sorge spontanea: perché la SE.GI. non ha previsto accantonamenti o altre misure per provvedervi? La colpa è dell’Ente pubblico che non garantisce pagamenti puntuali alla ditta appaltatrice mettendola in crisi?”

Lo afferma in una nota Sergio Costanzo, Consigliere Comunale #fareperCatanzaro

“Di certo, urge avere chiarezza sulla vicenda in grado di riportare ordine e legalità, perché la superficialità e l’incapacità dei responsabili non deve gravare sulla serenità dei dipendenti dell’azienda e sulle loro famiglie. Mi auguro che, il nuovo Commissario Cotticelli possa, insieme al governatore Oliverio, ed in sintonia con i nuovi commissari inviati dal Governo all’Asp di Catanzaro, dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose disposto dal Consiglio dei Ministri, prendere a cuore il problema e invertire questo status quo che oggi è un duro colpo al già basso morale dei dipendenti dell’Azienda che, per quanto riferitomi dagli oltre 50 dipendenti che hanno tutta la mia vicinanza, hanno attrezzature, con quantità e qualità dei materiali non sufficienti e adeguati a garantire la dovuta pulizia del Presidio Ospedaliero.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, evento Simeup a Sellia: come salvare i bimbi con blocco a vie respiratorie

Andrea Marino

Dl sanità Calabria, Pisani (M5s): “Interventi su carenza medici specialistici”

Mirko

‘Ndrangheta, Salvini: “Lotta da nord a sud senza se e senza ma”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content