Catanzaro gemellata con Gaza City: Potere al Popolo chiede presa di posizione sulla guerra

Sono 18 mila i morti civili palestinesi nelle offensive di Israele. "Il Comune deve condannare il genocidio e premere per un cessate-fuoco"

L’assemblea territoriale di Potere al Popolo Catanzaro ha indirizzato una lettera aperta alle autorità cittadine, sollecitando il Comune di Catanzaro ad assumere un deciso impegno nel manifestarsi pubblicamente contro la violenza in corso nel Medio Oriente. Nello specifico, la lettera richiede al sindaco Nicola Fiorita e all Giunta comunale di condannare apertamente il genocidio del popolo palestinese, di esprimere chiaramente la sua posizione a favore di un immediato cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, di sostenere la liberazione degli ostaggi, di impegnarsi attivamente in un processo politico per la pace e di dichiarare ufficialmente Catanzaro città gemellata con Gaza City. Destinatari della letterea il presidente del Consiglio Comunale di Catanzaro, Gianmichele Bosco, i consiglieri comunali di Catanzaro, il sindaco Nicola Fiorita e il segretario generale Vincenzina Sica.

Ecco il comunicato completo:

Ecco il comunicato completo:

Premesso che: Gli esperti delle Nazioni Unite hanno dichiarato già il 16 novembre che le gravi violazioni commesse da Israele contro i palestinesi dopo il 7 ottobre, in particolare a Gaza, fanno ormai pensare a un vero e proprio genocidio in atto. Si sono espressi definendo Gaza “un inferno in terra”. Esiste, nelle dichiarazioni di rappresentanti del governo Netanyahu, l’intento manifesto di “distruggere il popolo palestinese sotto occupazione”, esistono gli appelli e gli obiettivi dichiarati per una “seconda Nakba” a Gaza e nel resto dei territori palestinesi occupati.

Ad oggi sono oltre 18 mila i civili assassinati – dei quali più del 41% sono bambini e il 25% donne – mediante l’uso di armi di annientamento indiscriminato che hanno provocato non solo un colossale numero di vittime ma nel contempo la distruzione di infrastrutture vitali come ospedali e scuole. In media, un bambino viene ucciso e due vengono feriti ogni 10 minuti durante la guerra, trasformando Gaza in un “cimitero di bambini”, secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite.

Sono stati uccisi diversi centinaia di medici che eroicamente cercavano di portare soccorso ai feriti e ai mutilati dai bombardamenti indiscriminati, ma anche più di cento membri del personale delle Nazioni Unite, oltre sessanta giornalisti, difensori in prima linea e dei diritti umani, mentre centinaia di famiglie di cinque generazioni sono state spazzate via. Più della metà delle infrastrutture civili di Gaza sono state distrutte, comprese più di 40.000 unità abitative, oltre a ospedali, scuole, moschee, panetterie, condutture idriche, reti fognarie ed elettriche, in una proporzione tale da minacciare di rendere impossibile la continuazione della vita dei palestinesi a Gaza.

Come di recente dichiarato dai relatori speciali delle Nazioni Unite: “Per essere legittima, la risposta di Israele deve rientrare rigorosamente nel quadro del diritto umanitario internazionale” e bisogna tenere in considerazione che “la presenza di tunnel sotterranei in alcune zone di Gaza non elimina lo status civile di individui e infrastrutture che non possono essere presi di mira direttamente né soffrire in modo sproporzionato”. Inoltre, “La mancata attuazione urgente di un cessate il fuoco rischia di far precipitare la situazione verso un genocidio condotto con mezzi e metodi di guerra del XXI secolo”, hanno avvertito gli esperti.

Di fatto, all’atto di redazione del presente ordine del giorno, per rilevanza, modalità, dimensioni degli eventi si è di fronte ad uno sterminio indiscriminato di civili inermi, elementi caratterizzanti un vero e proprio genocidio, per come universalmente tale lemma è usato e condiviso. Considerato che la comunità internazionale ha l’obbligo di prevenire i crimini di atrocità, compreso il genocidio, e dovrebbe prendere immediatamente in considerazione tutte le misure diplomatiche, politiche ed economiche a tal fine. Nella stessa società israeliana l’opposizione al governo Netanyahu continua a crescere ed è in corso una costante mobilitazione internazionale dei Rabbini per i Diritti Umani (Rabbis for human rights) e della Voce Ebraica per la Pace (Jewish voice for peace) per chiedere un immediato cessate il fuoco e la liberazione di tutti i prigionieri sotto lo slogan “everyone for everyone” per liberare tutti gli ostaggi israeliani e tutti i detenuti palestinesi – più di 7000 – attualmente sottoposti ad arbitraria detenzione da parte di Israele.

La posta in gioco non è solo il destino di israeliani e palestinesi, ma una grave conflagrazione del conflitto nella regione, che porterebbe a ulteriori violazioni dei diritti umani e alla sofferenza di civili innocenti. L’ONU e l’UE sostengono la “diplomazia delle città”: strumento di cui dispongono gli enti locali e le loro associazioni per favorire la coesione sociale a livello mondiale, per prevenire e risolvere conflitti affinché i cittadini possano coesistere pacificamente in un clima di democrazia, progresso e prosperità.

Le richieste al sindaco e alla Giunta

Tutto ciò premesso e considerato, si impegna il Sindaco e la Giunta della Città di Catanzaro a 1) condannare pubblicamente il genocidio del popolo palestinese in corso ad opera del Governo e dell’Esercito dello Stato di Israele; 2) a prendere posizione in maniera ufficiale per un immediato cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, per i necessari aiuti umanitari e per l’apertura di corridoi umanitari verso la Cisgiordania, Gerusalemme Est e Israele, soprattutto per coloro che sono stati più colpiti da questa guerra, i malati, le persone con disabilità, gli anziani, le donne incinte e i bambini; 3) a prendere parola sulla liberazione di tutte le persone detenute e in ostaggio, come ribadito dagli slogan delle famiglie israeliane “everyone for everyone”, ovvero per tutti gli ostaggi israeliani oggi presenti nella Striscia di Gaza e per tutti i prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane; 4) a impegnare concretamente il Comune di Catanzaro attraverso canali istituzionali e sforzi diplomatici nella ripresa di un processo politico che possa condurre alla fine dell’occupazione israeliana della Palestina e ad una risoluzione di pace nell’area, oggi più che mai necessaria, esprimendo sin d’ora il proprio orientamento favorevole alla creazione di uno Stato Palestinese entro i confini del 1967; 5) a dichiarare Catanzaro città gemellata con Gaza city, invitando sin da subito il Sindaco di Gaza City a visitare Catanzaro ed a ricevere le chiavi della città.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'uomo, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato nella propria abitazione, dove rimarrà ristretto in esecuzione della misura cautelare ai domiciliari
Il responsabile regionale Calabria e membro della direzione nazionale dell'Udc interviene in merito ai bombardamenti su Beirut di questa notte
Lo rendono noto Pinuccia Cosmano (Filcams Cgil), Antonio Bruno (Fisascat Cisl) e Saverio Scarpino (Uil Tucs).
Smantellata un'organizzazione a delinquere composta da persone indagate per numerose ipotesi di reato
In un caso era stato installato un bypass al fine di evitare il passaggio dal contatore
Il destinatario della misura è stato condannato per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell'inchiesta “Infinito”
Due pazienti continueranno a vivere grazie alla donazione e, quindi, al trapianto di due organi salvavita, senza i quali gli stessi avevano poche speranze
Dalle carte emerge il ruolo di uno dei due vibonesi arrestati: "cerniera" tra il gruppo degli 'esfiltratori' della cocaina e quello dei doganieri corrotti
Nel garage di casa rinvenuti 2 chili di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish e cocaina, tutte etichettate con il finto logo di un marchio di moda
Il gip di Reggio Calabria dispone tre arresti: due vibonesi vanno in carcere e una donna di Gioia Tauro finisce ai domiciliari
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved