Catanzaro, Giannone sotto accusa: dalla “Champions” al brocco il passo è breve

“Ma quale serie C, il gol di Luca Giannone a Catania è un gol da Champions League”. Questo si pubblicava e si leggeva solamente il 12 novembre 2018 sulla stampa locale e i tifosi giallorossi celebravano il numero 10 del Catanzaro come un talento sprecato in serie C.

“Noto, metti Giannone fuori rosa, carriera rovinata per sempre a Catanzaro e chi più ne ha ancor ne metta”. questo, invece, si legge e si sente dopo il match contro la capolista Juve Stabia, gara giocata e pareggiata sul campo dei campani, ieri 13 febbraio 2019, dove Giannone si procura un rigore e lo sbaglia tirando a cucchiaio e sprecando il match point per avvicinare il primo posto e coronare la supremazia della formazione di Auteri in casa di chi non ha mai perso in tutto il campionato.

“Noto, metti Giannone fuori rosa, carriera rovinata per sempre a Catanzaro e chi più ne ha ancor ne metta”. questo, invece, si legge e si sente dopo il match contro la capolista Juve Stabia, gara giocata e pareggiata sul campo dei campani, ieri 13 febbraio 2019, dove Giannone si procura un rigore e lo sbaglia tirando a cucchiaio e sprecando il match point per avvicinare il primo posto e coronare la supremazia della formazione di Auteri in casa di chi non ha mai perso in tutto il campionato.

In soli due mesi Luca Giannone è passato dall’essere un giocatore da Champions all’essere “un’offesa”.

Questa è la filosofia che a Catanzaro ha fatto tanti danni in passato, ma oggi, di fronte ad una squadra altamente competitiva, che si esprime con un gioco di livello superiore alla serie C, non può e non deve essere avallata.

A Catanzaro, probabilmente, è necessario comprendere che esiste una via di mezzo nei giudizi, che si chiama equilibrio. Anche Luca Giannone ha fatto la sua parte nelle ultime ottime prestazioni dei giallorossi, ma a Catanzaro sarà ricordato solo per il cucchiaio di ieri.

Intanto, però, c’è ancora tanta strada da percorrere e la squadra del presidente Noto ha bisogno di sostegno, perché è ancora in corsa per la serie B, anche passando dai playoff, magari arrivando al secondo posto.

I tifosi giallorossi sono spettacolari ed innamorati dell’Us e, certamente, continueranno a sostenere i ragazzi di Auteri, compreso Giannone. Perché nella vita si sbaglia tutti, un calciatore, un arbitro, un giornalista, un tifoso, tutti possono sbagliare.

La condanna appartiene ai presuntuosi, a quelli che credono di non sbagliare mai. A quelli che un giorno ti dicono che sei da Champions, ma due mesi dopo ti vogliono sbattere via dalla città per un rigore tirato male.

Anche Cristiano Ronaldo e Messi sbagliano i rigori e chissà, fosse successo a Catanzaro, li avrebbero mandati via dalla città o parcheggiati in tribuna fuori rosa.

Catanzaro deve crescere, altrimenti ogni sogno sarà bruciato. Perché anche i sogni, spesso, hanno bisogno di equilibrio per diventare realtà.

A. M.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved