Calabria7

Catanzaro, i farmacisti apprendono i nuovi modelli di gestione

Un momento del corso

Cinquanta farmacisti della provincia di Catanzaro hanno preso parte ad un incontro di formazione ECM organizzato dalla Fondazione Il Caduceo presso la sede Provinciale dell’Ordine.

Numerosi e interessanti i temi che sono stati sviluppati da tre esperti del settore, i dottori Giulio Sensi, Michele Barzaghi e l’architetto Calogero Tulone.

Al centro del corso ‘La farmacia dei servizi: attraverso l’utilizzo di nuovi modelli di gestione come fornire valore aggiunto alla farmacia del futuro”.

Focus delle relazioni gli scenari nel settore della distribuzione, il costo del personale, le analisi di mercato, l’evoluzione stessa della farmacia, il ruolo manageriale del professionista, la gestione dell’assortimento dei locali e la dimensione commerciale dell’attività.

IL SALUTO DEL PRESIDENTE

Nel suo saluto iniziale il presidente dell’Ordine di Catanzaro Vitaliano Corapi ha ricordato che la capacità della farmacia di cambiare è già rappresentata nel Caduceo, con i due serpenti simbolo di mutamento.

Assieme al presidente della FOFI Mandelli, la Federazione Ordini Farmacisti di cui è consigliere, Corapi ha ricordato di aver già da parecchi anni prefigurato e proposto la farmacia dei servizi. Ora lo Stato finalmente ha promesso il rimborso delle prestazioni, ma prima occorre dimostrare il risparmio del servizio sanitario.

Dopo la sperimentazione nelle prime 9 regioni se ne sono aggiunte altre 7, tra cui la Calabria che avrà 108mila euro da approvare con la finanziaria di fine anno. Un percorso difficile con crono programma e varie malattie da tenere sotto controllo.

Con questa innovazione si può dimostrare di poter abbattere costi e tempi di ricoveri in altre strutture. Corapi ha anche assicurato che attraverso il lavoro del consigliere FOFI Giovanni Zorgno verrà proposto al Ministero il riconoscimento dei crediti ECM per il biennio sperimentale ai farmacisti che aderiranno.

Ad aprire le menti dei corsisti, tra cui tantissimi giovani, un gruppo di consulenti di Staff3 azienda toscana specializzata nel settore.

IL SISTEMA MASTERPLAN

L’arch. Teodoro Bartucca, referente di zona, ha introdotto l’argomento Masterplan on the road. Per poter competere in un mercato dinamico il farmacista deve fare analisi strategia e progettazione. Chi prevarrà, le farmacia grandi o quelle piccole? Quelle con nuove figure professionali o con nuove servizi? Di sicuro occorrerà cambiare e per far questo bisogna conoscere la propria farmacia, la sua gestione e la clientela.

Il dott. Giulio Sensi ha ricordato anzitutto che la Farmacia è azienda.

Il suo stato di salute si valuta attraverso l ‘autonomia finanziaria e la resa finanziaria

Gran parte del reddito dipende dai collaboratori. Proprio quelli su cui si investe poco o niente in formazione (dalle statistiche risulta che ogni farmacia investe lo 0,07 % nella formazione di ogni dipendente a fronte del 90% di incasso assicurato dai collaboratori)

Analisi economica di bilancio e prospettiva le altre azioni da non sottovalutare.

L’ arch. Calogero Tulone ha parlato più specificatamente della struttura di un punto vendita, con lo studio della sua architettura, la sua localizzazione, lo spazio utile e la verifica delle zone commerciali del locale. Fondamentali sono la presentazione esterna del locale, la dislocazione dei percorsi, assortimento per generi extra farmaco e la seduzione delle offerte. Molto diffuse sono tipologie di farmacie che dissuadono il cliente-paziente fin dall’entrata senza rispettare all’interno nessun parametro fondamentale di strategia di vendita ed allestimento.

Michele Barzaghi, farmacista ed esperto in marketing di settore, ha spiegato le analisi di mercato per le farmacie. Prima di iniziare l’attività ma anche dopo è bene una valutazione della zona, dei competitors, studiare dimensioni e assortimento, scoprire gli scontrini al giorno della concorrenza. E poi verificare il bacino utenza. Una analisi di mercato fuori dal locale puo’ rivelare il grado di soddisfazione ed i tempi di permanenza.

I titolari e collaboratori di farmacia presenti nella sala di Via Italia affollata nonostante l’orario serale post lavorativo, hanno spesso interagito verbalmente con i tutors ed acquisito con la partecipazione 4 crediti ECM.

Il presidente Corapi

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Morto Cannatello, stop a mostra calabrese a Cuba

manfredi

Codacons: “Asp Catanzaro non paga lavoratori Cooperativa Multiservizi”

Matteo Brancati

Maison d’art, c’è voglia di danza e di arte a Catanzaro (SERVIZIO TV)

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content