Calabria7

Catanzaro, il sogno di una Riserva naturale per le Dune di Giovino

Riunione-Dune_Giovino

di Nico De Luca – Proficuo incontro allargato sui paesaggi da proteggere lungo la costa jonica catanzarese da Stalettì a Simeri, passando ovviamente dal mare di Catanzaro.

A promuoverlo, in un noto ristorante del lungomare, l’associazione Le Dune di Giovino che da tempo cerca di alzare il livello di attenzione su un’ampia zona di spiaggia e di demanio ancora selvaggia e particolarmente appetita.

Al tavolo dei lavori il presidente Giovanni Miliè, agronomo, Mimmo Bevacqua, ornitologo, Walter Fratto, architetto e Ronald Marra, presidente nazionale Guardie Ambientali. Gradito ospite d’onore è stato Giovanni Aramini, dirigente regionale del dipartimento Ambiente.

GLI INTERVENTI

Nel suo intervento Aramini ha spiegato quanto non sia mai abbastanza l’attenzione per l’ambiente in cui viviamo ed ha abbracciato gli scopi dell’associazione con la volontà di realizzare La Riserva Dune di Giovino come strumento per l’obiettivo della preservazione.

Raccordando i vari interventi il presidente Miliè ha ricordato i vari step di crescita dell’Associazione che tuttavia non ha mai ricevuto effettivo appoggio da parte di nessun ente amministrativo.

Con l’aiuto di efficaci slades Bevacqua ha evidenziato le innumerevoli specie di uccelli presenti sul tratto che va da Stalettì alla foce del Castace, passando dal Corace e da Giovino (Falco pellegrino, Colombaccio, Passero solitario, Occhiocotto, Cornacchia, Rondine, Gabbiano, Fratino, Corriere piccolo, Berta minore, Piovanello pancianera, Voltapietre, Fenicottero, Pantana, Beccamoschino, Verdone, Ballerina, Saltimpalo, Combattente e tanti altri) tutti facilmente fotografabili, quindi in un ambiente ideale al birdwatching.

Molto interessante pure il contributo di Fratto il quale ha dissertato come primissimo ideatore dell’Oasi del Cavalluccio marino a Soverato. Oltre a diversi importanti dati sull’evoluzione antropologica della costa il professionista ha offerto un bellissimo documentario sugli ospiti dei fondali marini del golfo soveratese auspicandone piena valorizzazione.

Dopo il saluto del presidente delle guardie ambientali Marra che ha augurato alle nuove generazioni di trovare ambienti migliori dei nostri si sono registrati diversi interventi da parte del pubblico, una cinquantina di persone, che alla fine si sono intrattenute per una pizza che ha contribuito a finanziare le attività dell’associazione Le Dune di Giovino.

Nella chiosa finale Miliè ha ringraziato riaffermando la propria determinazione a difendere le Dune, creando nel contempo turismo naturalistico e conseguente economia per la città

tavolo dune
Fratto, Bevacqua, Miliè ed Aramini (in piedi)

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Valorizziamo Catanzaro, Confartigianato lancia il progetto

Andrea Marino

Coisp: in piazza contro presa in giro del Governo

manfredi

Comune Amato, si insedia il “Ruga bis”

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content