Catanzaro, la Palestina, il Consiglio Comunale: cronaca di un ordine del giorno (ignorato)

La nota di Potere al Popolo: “A Gaza è stato superato il numero di 28.000 morti. Ma i rappresentanti della volontà popolare tacciono”
potere al popolo catanzaro

“Nel dicembre 2023 abbiamo formalmente protocollato un nostro ordine del giorno col quale chiedevamo che il Consiglio Comunale, il sindaco e la Giunta discutessero della situazione in Palestina e prendessero posizione per la pace ed un immediato cessate il fuoco, sulla scia di quanto già accaduto in moltissime città italiane. Nel frattempo si sono tenuti due consigli comunali ma la nostra proposta non è stata portata alla attenzione del civico consesso.” Così Potere al Popolo Catanzaro, in nota.

Più di 28 mila morti a Gaza

Più di 28 mila morti a Gaza

“Ebbene. In queste ore a Gaza – continua la nota – è stato superato il numero di 28.000 morti (e non si sa quante migliaia possano ancora essere sepolte dalle macerie delle case bombardate) e tra questi 12.000 sono bambini; la quasi totalità di case ed infrastrutture sono state distrutte o messe comunque fuori uso dai bombardamenti; sono stati colpiti deliberatamente centri per i rifugiati dell’Onu e ospedali nei quali peraltro mancano medicine essenziali e si è costretti ad amputare anche i bambini senza anestesia. Nonostante tutto questo a Catanzaro i rappresentanti della volontà popolare tacciono”.

“In Palestina è in corso un genocidio, come senza tregua grida il mondo intero, come ha affermato coraggiosamente il Sud Africa nel chiedere la condanna di Israele innanzi la Corte Internazionale di Giustizia. Corte Internazionale di Giustizia – storicamente assai cauta e prudente nei giudizi- che ha dovuto riconoscere nella giornata del 26 Gennaio scorso come esistano prove sufficienti per valutare l’accusa di genocidio e che le operazioni militari di Israele hanno provocato un numero enorme di morti e feriti, una massiva distruzione e lo sfollamento della popolazione”, afferma Potere al Popolo.

“Nonostante tutto questo – prosegue – a Catanzaro i rappresentanti della volontà popolare tacciono. In definitiva sindaco, Presidente del Consiglio Comunale, Giunta e Consiglio ritengono che nel massimo consesso democratico della città la sorte dei palestinesi non meriti parola alcuna e non sia meritevole di considerazione pari a quella della sorte dei balneari o dei debiti fuori bilancio Eppure avevano presentato in pompa magna il festival dei popoli, con esponenti istituzionali che sfoggiavano per le vie della città la Kefiah palestinese, raccontandoci di quanto fossero solidali con i popoli del sud del mondo! Semplicemente cinica propaganda!”

“A quanti morti si supera la soglia dell’indignazione? E quella della vergogna? Perché non viene detta dal sindaco – che addirittura aveva fatto ammainare a mezz’asta la bandiera civica per la morte di Berlusconi – dalla Giunta e dal Consiglio Comunale una sola parola di condanna contro l’immane massacro di civili palestinesi? Noi riteniamo che questo reiterato silenzio sia espressione di una precisa determinazione. Oggi, infatti, chi nulla dice si schiera con i massacratori sionisti ed è complice delle loro malefatte e dei crimini contro l’umanità che stanno compiendo. E tace consapevolmente sul regime di apartheid attuato da Israele contro i palestinesi, come denunciato da Amnesty International. Ritenevamo giusto informare i cittadini e le cittadine di Catanzaro di quanto è accaduto e ribadire che si fa silenzio quando i bambini dormono, non quando muoiono! E noi continueremo ad urlare il nostro sdegno!”, conclude.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Raccolte le firme necessarie per candidarsi a "dare una mano ad Antonio Tajani alla guida del partito". Smentita ancora l'ipotesi europee
Il magistrato ha invocato ai giudici della Corte di assise appello di Catanzaro il riconoscimento della mafiosità esclusa in primo grado
La struttura è nuovamente monitorata da tutti e sedici i punti di osservazione. L'assessore Giordano: "Prima risposta in attesa che sia fatta luce"
Le forze dell'ordine hanno individuato l'autore di una serie di molestie e tra queste quella all'ex segretario della Camera di Commercio Calvetta
Il progetto prevede una serie di incontri informativi sul fenomeno e la distribuzione di un opuscolo - una sorta di vademecum - fumettistico
Sempre oggi, in un altro cantiere, si è verificato un incidente in cui due giovani operai sono rimasti gravemente feriti per il crollo di un tetto
"Ad un anno dalla strage - scrive Rete 26 febbraio - non è stato ancora garantito loro il diritto alla verità e alla giustizia e di potersi ricongiungere con le rispettive famiglie"
L'auto fotografata nella mattinata di sabato in sosta nell’area pedonale antistante palazzo Gagliardi, in pieno centro storico
Le borse saranno assegnate ad allievi dai 12 ai 17 anni tramite una lezione-audizione gratuita che si terrà a Cosenza. Ecco come partecipare
Da Ama Calabria grande attenzione per avvicinare i giovani al teatro, con un matinée dedicato alle scuole a Lamezia Terme
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved