Omicidio stradale a Catanzaro, indagini chiuse

Sotto inchiesta  un 29enne accusato della morte di Nicolas Marcellino in seguito ad un incidente avvenuto il 23 giugno dell’anno scorso

Si sarebbe messo alla guida dell’auto dopo aver assunto alcol e sostanze stupefacenti. Una disattenzione di troppo, che è costata la vita ad uno dei quattro passeggeri a bordo di una Ford Fiesta. Con l’accusa di omicidio stradale, la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiuso le indagini con contestuale avviso di garanzia a carico di Vincenzo Vivaldi, 29 anni, reo, secondo le ipotesi accusatorie di aver provocato la morte di Nicolas Marcellino, 21enne di Catanzaro, nell’incidente avvenuto in via Stretto Antico nel quartiere marinaro del capoluogo calabrese il 23 giugno dell’anno scorso. Vivaldi avrebbe perso il controllo della sua auto, impattando violentemente contro il guardrail posto sul lato sinistro della strada per poi rimbalzare sul lato opposto sbattendo contro un muro. A nulla è servito l’immediato arrivo sul posto dei Vigili del fuoco, che hanno dovuto estrarre dalle lamiere il corpo senza vita di Marcellino, morto “per arresto cardiorespiratorio acuto secondario a trauma cranico con sfacelo traumatico dell’encefalo, si legge nell’avviso di conclusione delle indagini, e fratture croniche multiple in conseguenza di politrauma da incidente stradale in soggetto sotto effetto di alcol e sostanze stupefacenti (cannabinoidi).” Altri due giovani, che si trovavano nel lato posteriore dell’auto sono stati trasportati dal 118 in ospedale riportando contusioni giudicate guaribili dai 7 ai 20 giorni. L’indagato, assistito dall’avvocato Nicola Tavano, avrà adesso venti giorni di tempo per chiedere di essere sentito dal magistrato titolare del fascicolo, per depositare memorie e compiere ogni atto utile all’esercizio del diritto di difesa, prima che la Procura proceda con una richiesta di rinvio a giudizio o di archiviazione.

Si sarebbe messo alla guida dell’auto dopo aver assunto alcol e sostanze stupefacenti. Una disattenzione di troppo, che è costata la vita ad uno dei quattro passeggeri a bordo di una Ford Fiesta. Con l’accusa di omicidio stradale, la Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiuso le indagini con contestuale avviso di garanzia a carico di Vincenzo Vivaldi, 29 anni, reo, secondo le ipotesi accusatorie di aver provocato la morte di Nicolas Marcellino, 21enne di Catanzaro, nell’incidente avvenuto in via Stretto Antico nel quartiere marinaro del capoluogo calabrese il 23 giugno dell’anno scorso. Vivaldi avrebbe perso il controllo della sua auto, impattando violentemente contro il guardrail posto sul lato sinistro della strada per poi rimbalzare sul lato opposto sbattendo contro un muro. A nulla è servito l’immediato arrivo sul posto dei Vigili del fuoco, che hanno dovuto estrarre dalle lamiere il corpo senza vita di Marcellino, morto “per arresto cardiorespiratorio acuto secondario a trauma cranico con sfacelo traumatico dell’encefalo, si legge nell’avviso di conclusione delle indagini, e fratture croniche multiple in conseguenza di politrauma da incidente stradale in soggetto sotto effetto di alcol e sostanze stupefacenti (cannabinoidi).” Altri due giovani, che si trovavano nel lato posteriore dell’auto sono stati trasportati dal 118 in ospedale riportando contusioni giudicate guaribili dai 7 ai 20 giorni. L’indagato, assistito dall’avvocato Nicola Tavano, avrà adesso venti giorni di tempo per chiedere di essere sentito dal magistrato titolare del fascicolo, per depositare memorie e compiere ogni atto utile all’esercizio del diritto di difesa, prima che la Procura proceda con una richiesta di rinvio a giudizio o di archiviazione.

g. p.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved