Calabria7

Catanzaro primo centro storico amico delle demenze (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi

Ventiquattro le comunità in Italia riconosciute come amiche delle demenza. Tra queste Catanzaro,  unico capoluogo, che da marzo è ufficialmente “dementia friendly”.
Presentati nella sala concerti di Palazzo De Nobili il progetto e l ‘ evento d’inaugurazione “Catanzaro comunità amica delle persone con demenza”, promosso dall’amministrazione comunale, di concerto con l’associazione “Ra.Gi.”.  All ‘ incontro hanno partecipato  il vicesindaco e assessore alla cultura, Ivan Cardamone, l’assessore, la presidente della commissione politiche sociali, Manuela Costanzo, la presidente della Ra.Gi., Elena Sodano, ed alcunirappresentanti del comitato promotore.
“Grazie ad una delibera del Comune approvata nel mese di marzo Catanzaro è amica delle demenza. 24 in tutte Italia le comunità riconosciute.  Le persone affette da demenza devono essere riconosciute come persone. Dopo 11 anni di lavoro raggiunto obiettivo che è un inizio. Sono coinvolte scuole, farmacie e strutture di vario genere affinché si faccia rete e le famiglie non debbano essere più lasciate sole ” ha detto la Presidente Ra .Gi , Elena Sodano  ” Tante le tappe del progetto ed inizieremo a giugno il progetto formativo con i commercianti “.

L’iniziativa sarà diverse reti nazionali visto il valore e l ‘ impegno per le demenza”.
In rappresentanza del Comune di Catanzaro,  Emanuela Costanzo,  si è detta orgogliosa di questo progetto. ” Un progetto che coinvolge l ‘ ammalato dal punto di vista fisico e mentale con attenzione allo stato emotivo. Dal punto di vista sanitario non c’è stato modo di affettuare trattamento diverso.  Una malattia che deve coinvolgere tutti ed abbracciata dalla comunità ” ha concluso.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Taverna, dal 19 al 27 luglio “Not(t)e d’autore”

Matteo Brancati

“Gli anni belli”, il film con la Cucinotta girato nel Catanzarese: l’anteprima (VIDEO)

Mirko

Elezioni Lamezia, Guarascio: “Sono preoccupato per la città”

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content