Calabria7

Catanzaro, pubblica istruzione: Talarico e Praticò replicano a Bosco

“Il consigliere comunale di minoranza Gianmichele Bosco ha perso l’ennesima occasione per tacere. E ha dimostrato, al contrario, che per “amor di opposizione” tutto è lecito fuorché ammettere la verità. Altrimenti non avrebbe sprecato il suo tempo per scrivere un comunicato ricco di falsità in merito al presunto “abbandono” del settore Pubblica istruzione.”

Queste le parole con cui i consiglieri comunali Fabio Talarico (Catanzaro con Abramo) ed Ezio Praticò (catanzaro da vivere) replicano a Gianmichele Bosco (Cambiavento)

“Che – continuano i consiglieri – se è vero soffre, come tutti i settori dell’amministrazione, di carenza di personale, dall’altro riesce comunque, grazie alla professionalità del suo personale, a espletare le funzioni rivolte ai cittadini e al mondo scolastico. Altro che “mero orpello”. Forse gli orpelli in questione sono le spille di epoche passate che attacca sulla sua giacca nei Consigli comunali, non di certo il modo in cui questa amministrazione impiega le risorse della Pubblica istruzione. Procediamo per gradi: innanzitutto un assessore competente e appassionato come Concetta Carrozza se lo sognano in molti Comuni della Calabria.

Secondo aspetto, ancora più importante: ticket mensa, trasporto scuolabus per studenti disabili, ticket agevolati per il trasporto degli studenti, buoni libro etc. sono tutti servizi regolarmente erogati dal settore. Non capiamo, pertanto, che cosa abbia da appuntare all’amministrazione il consigliere Bosco.

Probabilmente intendeva prendere Catanzaro a mo’ di esempio nei confronti dei tanti altri Municipi calabresi che, al contrario di ciò che succede nel capoluogo, non sono riusciti ad attivare questi fondamentali servizi. Il terzo “dettaglio” che sfugge a Bosco è sulla posizione organizzativa del settore: c’è, è stata nominata da una ventina di giorni, e si tratta di Vincenzo Carioti, al quale lo stesso Bosco potrà chiedere informazioni sul funzionamento del settore ammesso che non lo faccia con l’assessore Carrozza. Certo, su una cosa Bosco ha ragione: si può sempre migliorare.

Ma – così concludono Praticò e Talarico – stia tranquillo, perché questa amministrazione sta lavorando esattamente per far sì che ogni eventuale criticità venga risolta ed eliminata”.

(redazione Calabria7)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Siccità più dannosa del Coronavirus, a rischio colture Sibaritide

Mirko

Incendia la casa del padre, arrestato insieme al complice in provincia di Catanzaro

Maria Teresa Improta

Tripodi (FI): “Visita Berlusconi spinge a dare il massimo”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content