Calabria7

Catanzaro recupera mercoledì 17 la sua Vivicittà ‘proibita’

di Nico De Luca – Si correrà mercoledì prossimo 17 aprile, all’interno del Minorile ‘Paternostro’  la 36a edizione catanzarese di Vivicittà, tradizionale gara podistica nazionale ed internazionale. Lo slogan di questa edizione di Vivicittà è “L’uguaglianza è in gioco”, per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sul valore della coesione sociale

Vivicittà è una corsa podistica messaggera di pace e solidarietà nel mondo e sostenibilità ambientale, e gode del patrocinio del ministero dell’Ambiente, del ministero della Giustizia, del ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale. Oltre all’istituto per minori di Catanzaro la gara è stata ospitata anche dalle Carceri di Milano e di Monza.

In merito alle sede di Catanzaro, il Comitato Territoriale UISP tiene a precisare che dopo le ultime edizioni della corsa podistica svoltesi sul lungomare del quartiere Lido negli anni 2016 e 2017, nel tentativo di riprendere lo svolgimento tradizionale di una importante e originale manifestazione podistica all’ interno del centro storico cittadino,  le difficoltà incontrate  con l’Amministrazione Comunale nel  definire un percorso adeguato e sicuro, oltre all’ assenza di un benché minimo sostegno economico , hanno portato gli organizzatori  a desistere nell’ organizzare, negli ultimi due anni,  l’evento a Catanzaro. E Catanzaro è stata tra le prime città ad aderire in Italia al Vivicittà nel lontano 1984, anno in cui si avviò tale splendida iniziativa.

Si è invece mantenuto l’impegno a svolgere all’interno dell’Istituto Penale Minorile una corsa non competitiva per ribadire oltre ai temi della sostenibilità anche quelli dell’intercultura e dei diritti che sono alla base del Vivicittà.

Per farla uscire dalle mura dell’Istituto, il Comitato UISP Catanzaro aveva manifestato a fine gennaio 2019, all’Amministrazione Provinciale,  l’intenzione di promuovere la corsa non competitiva all’interno del Parco della Biodiversità.

La semplice richiesta di autorizzazione (senza chiedere alcun contributo economico), protocollata il 30 gennaio, non ha ricevuto alcuna risposta da parte dell’Amministrazione Provinciale, nonostante si sia verbalmente sollecitato un riscontro.

Siamo nel 2019, altrove tali eventi vengono sostenuti e incentivati dagli enti locali, ma nella città di Catanzaro, dobbiamo amaramente registrare,  non esistono le giuste sensibilità.

Ma non ci fermiamo – assicurano il dirigente Uisp Riccardo Elia ed il presidente Felice Izzi –  manterremo l’impegno con i ragazzi del Minorile all’interno dell’Istituto e Catanzaro, sia pure per merito di pochi, continuerà ad essere annoverata tra i principali centri  che ospitano Vivicittà”

 redazione Calabria 7

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vicenda Liceo “Siciliani” di Catanzaro, “I Quartieri”: “Sindaco privilegi dialogo”

Matteo Brancati

Liu-Jo a Catanzaro Lido, dieci anni di successi (FOTO)

manfredi

Sole 24 Ore: Catanzaro scala 28 posizioni, ecco la classifica

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content