Calabria7

Catanzaro, Riccio: “Sulla videosorveglianza Enel e assessore Longo bugiardi”

Nota stampa del consigliere comunale di Catanzaro, Eugenio Riccio, sull’ormai annosa questione della videosorveglianza in città.

“Ho sempre pensato -si legge- che l’ironia sia un’arma intelligente con cui combattere e a volte risolvere i problemi. L’ironia però. Non la deliberata presa in giro della gente e dei cittadini. Quella è una pericolosissima arma a doppio taglio, un boomerang che può far male a chi lo tira. Quindi, pratichiamo l’ironia per chiedere al signor Enel chi è. Chi si nasconde dietro l’acronimo Ente Nazionale Energia Elettrica di Catanzaro? Chi c’è dietro ad una risposta che, senza un interlocutore preciso, sia anche il responsabile di un ufficio, resta nessuno?

E ora veniamo a ciò che riteniamo una vera e propria presa in giro. Un problema tecnico, a sentire il sig.Enel, quello che ha spento le telecamere di video sorveglianza, con tre forniture che hanno subito un guasto presumibilmente a causa del maltempo?

Non si direbbe leggendo la lettera trasmessa dal Comune di Catanzaro in data 13 febbraio 2019 al sig.Enel, e che alleghiamo, nella quale  si richiede la riattivazione di ben 6 contatori  per impianti di videosorveglianza già esistenti.

Bugia clamorosa, quindi, da parte del fantomatico Sig.Eenel che scambia un problema di natura amministrativa per un problema di natura tecnica.

È una presa in giro -prosegue Riccio- se nessuno ci spiega perché i contatori sono cessati (chiusi)  e da  quanto tempo si è esposta la città all’insicurezza  per irresponsabilità e superficialità.

E ora, fuori da ironia e senza prendere in giro nessuno, sia chiaro che la mia è una opposizione propositiva e finalizzata alla risoluzione dei problemi magari anche attraverso denunce pubbliche  come queste.

Ci fa piacere di essere stati i principi azzurri che hanno svegliato Cenerentola / Enel  dal sonno e siamo certi che attiverà immediatamente i contatori  senza  fare  passare  mesi , ma, sempre per restare in tema di favole forse abbiamo avuto un effetto benefico  anche sulla Bella addormentata assessore Longo che da oggi diventerà nostro interlocutore privilegiato per denunce e segnalazioni finalizzate alla riduzione problemi.

E intanto, caso mai nel periodo in cui era forse nel mondo dei sogni non se ne fosse accorto, gli ricordiamo che abbiamo segnalato già da diversi mesi che non funziona la videosorveglianza comunale in villa Margherita, in via Indipendenza presso nuova pensilina Amc,  in gran parte  lungomare Giovino e relativamente al parco Gaslini non si riesce ancora a capire chi ha messo le telecamere, Chi le ha pagate e chi le gestisce e da chi le forze dell’ordine possono acquisire eventuali immagini.

Tra ironia e favole -conclude il consigliere- la presa in giro dei cittadini è l’unica cosa che non consentiremo mai a nessuno”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Abusi su nipote, Marziale: “Pedofilia il più turpe dei crimini”

Mirko

Coronavirus, M5S presenta proposta: “Riattivare ospedali chiusi”

Matteo Brancati

Scontro Governo-Calabria: domani l’udienza al Tar

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content