Calabria7

Catanzaro-Rieti, Auteri: “Ci specchiamo troppo. Serve più cattiveria” (VIDEO)

di Danilo Colacino – Vittoria doveva essere, e vittoria è stata, per il Catanzaro contro la cenerentola Rieti. Quasi un testa-coda da cui l’ambiente, dopo l’inopinata sconfitta di Viterbo, si aspettava che le Aquile uscissero dal campo con il bottino pieno e così appunto è stato.

A tornare sul dolente tasto di domenica scorsa, peraltro, è stato proprio mister Gaetano Auteri, che ne ha parlato nel dopo gara di stasera. “Il Rieti – ha spiegato –aveva finora fatto buone partite. E noi, parlo in generale, dobbiamo essere bravi a chiudere i conti quanto ne abbiamo le occasioni. Invece ci specchiamo troppo in ciò che facciamo. A Viterbo abbiamo commesso due errori che difficilmente si vedono. Certo, l’espressione di gioco conta. Ma la concretezza è determinante. Dobbiamo difendere con più accanimento e attaccare con maggiore precisione. Mi attendo insomma una robusta dose di cattiveria agonistica. Comunque sia, la mia idea è che non ci siano big match. Al momento – ha proseguito – c’è grande equilibrio. Questo è un campionato tosto. Ecco perché nessuno può far previsioni. Noi abbiamo un grosso spessore, qualità e un’identità. E se guadagneremo anche in cinismo, l’obiettivo sarà raggiunto. Ma occorre aver pazienza”.

A seguire il suo collega, tecnico degli ospiti, Alberto Mariani, apparso abbastanza rassegnato: “Sapevamo di affrontare una squadra forte che gioca bene al calcio. Noi abbiamo provato a contenerla in qualsiasi modo. Ma è stato tutto inutile. È chiaro però che non ci salviamo, facendo punti in campi come Catanzaro. Qui è durissima per tutti, figuriamoci per una compagine come la nostra. Noi dovremo cercare di dare tutto contro la Paganese domenica prossima”.

È poi la volta dell’autore della doppietta decisiva per le sorti del match, Andrea Bianchimano: “Il mister mi fa svariare. Opero sia da interno che da centrale. E a me piace andare in profondità. Ma il fine è che noi facciamo buone prestazioni, vincendo. Il resto conta poco. L’importante, come ovvio, è il bene del Catanzaro”.

A chiudere Danilo Quaranta: “Siamo andati sul 2 – 0 nel secondo tempo. dovevamo e potevamo farlo prima. Io sono un centrale e posso giocare sia a tre che a quattro. Ma se servo nel ruolo di terzino sinistro, non mi tiro certo indietro. E posso affermare che mi trovo bene con tutti i compagni di reparto. Stessa cosa dicasi per i moduli. Come ovvio, però, noi facciamo un determinato tipo di lavoro e su quello siamo concentrati. Ma lo scopo è il bene della squadra”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il pugile Antonio Gualtieri torna in Comune da campione europeo Ibe [SERVIZIO TV]

Maurizio Santoro

Una maglia dell’Inter per “Natalino”, dopo la tragedia sulla Trasversale delle Serre

manfredi

L’A.S.D. Sporting Catanzaro Lido conferma il suo bomber (VIDEO)

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content