Catanzaro, rombi di moto per l’addio al giovane centauro Domenico

di Nico De Luca – Si sono svolti presso la Basilica dell’Immacolata, a Catanzaro, i funerali di Domenico Canino, il giovane centauro morto sul colpo sabato scorso 29 giugno in un incidente stradale nel quartiere Sala.

Nella chiesa molto affollata di parenti, amici e tanti cittadini comuni venuti a condividere il dolore della famiglia del 34enne, il celebrante don Sergio Iacopetta, parroco della Cattedrale, ha detto che “il mistero della morte è grande, c’è un tempo per nascere e un tempo per vivere, ma i momenti non siamo noi a determinarli.

Nella chiesa molto affollata di parenti, amici e tanti cittadini comuni venuti a condividere il dolore della famiglia del 34enne, il celebrante don Sergio Iacopetta, parroco della Cattedrale, ha detto che “il mistero della morte è grande, c’è un tempo per nascere e un tempo per vivere, ma i momenti non siamo noi a determinarli.

La morte improvvisa di Domenico è un lutto che sconfina in un grande dolore ed è difficile trovare parole che scendano nel cuore ad alleviare la sofferenza.

Tre cose che possiamo fare in questi casi: silenzio, preghiera, condivisione delle lacrime con quelle della famiglia. Il silenzio è una carezza nel percorso di luce nell’ostilità della morte, abbiamo bisogno di silenzio per  toccare l’invisibile e vedere Dio. Le lacrime esprimono il bene che abbiamo voluto a Domenico.

Non lo conoscevo personalmente – ha detto il sacerdote –  ma era un ragazzo affabile, che voleva bene e si faceva voler bene, come dimostrano le tante persone qui oggi.

Papa Francesco ha detto nei giorni scorsi che quando Gesù ha pianto, è stato capace di piangere allora ha capito i nostri drammi.

Diciamo grazie al Signore per i benefici concessi tramite la sua presenza ed eleviamo la preghiera perché il nostro cuore riceva consolazione. E la ricevano il papà Tonino, la mamma Daniela e la sorella Morena.

Affidiamo alla terra il nostro fratello Domenico ed all’Altissimo la sua anima benedetta“.

Fuori, ad attendere il feretro, quasi un centinaio di moto. I suo amici, amanti delle due ruote, gli hanno tributato il rombo dell’addio, accompagnando il corteo funebre fino al Cimitero principale della città.

Una città che piange un’altra giovane vittima prematuramente strappata ai suoi cari, alla sua vita terrena.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved