Calabria7

Catanzaro, Russo: “No alla chiusura del Convento dei Cappuccini”

Comune Catanzaro

Una raccolta firme per scongiurare definitivamente l’ipotesi di chiusura del Convento dei Cappuccini di Catanzaro e il trasferimento dei frati in altra sede. E’ l’iniziativa intrapresa dal comitato spontaneo che ha depositato al palazzo comunale una petizione recepita e condivisa dall’assessore Danilo Russo.

Promotori dell’iniziativa sono Antonio Iannicelli, Silvestro Bressi, Mario Saccà, Francesco Scerbo, Aldo Ventrici, Claudio Ruga e Franco Delfino. Ad aderire sono state già le associazioni Promocultura, UrbemLab, Pro Loco, Vitambiente, Culturattiva, Accademia dei Bronzi, Collezionismo vario, Scartamento ridotto Calabria.

“Da più tempo – si legge nel testo – si rincorrono notizie e indiscrezioni in merito alla sciagurata ipotesi di soppressione del Convento con contestuale incomprensibile trasferimento dei frati in altri conventi periferici nei quali risiede un numero di frati nettamente inferiore rispetto a quello di Catanzaro, privando il Capoluogo di Regione della loro plurisecolare presenza.

Desta preoccupazione la sorte dei preziosi e numerosi beni culturali, librari, artistici e archivistici acquisiti e accumulati nei secoli nella chiesa e nella struttura conventuale che si vuole dismettere. Beni che, inopinatamente, potrebbero essere trasferiti assieme ai frati del convento attuali custodi e detentori”.

Il trasferimento di tale patrimonio, evidenziano le associazioni, sarebbe in violazione delle norme relative ai beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti ed istituzioni ecclesiastiche che devono essere “mantenuti, per quanto possibile, nei luoghi e nelle sedi di originaria collocazione o di attuale conservazione”. Inoltre, sulla necessità di tutelare i beni allocati nella struttura conventuale  e nella chiesa del Monte, si è già espressa in via ufficiale la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Calabria.

“Tutti i cittadini che vogliono supportare l’azione avviata dalle associazioni e condivisa dall’amministrazione comunale – aggiunge Russo – possono apporre, fino al prossimo 11 ottobre, la propria firma sulla petizione presso l’Ufficio elettorale di Palazzo de Nobili.

L’iniziativa intrapresa culminerà nell’organizzazione di un’assemblea pubblica nel mese di ottobre a cui saranno invitate a partecipare le istituzioni religiose e laiche al fine di attivare un decisivo e fruttuoso confronto sulle criticità evidenziate nell’interesse del Capoluogo e di tanti fedeli che auspicano la permanenza dei frati minori Cappuccini a Catanzaro”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ennesimo incendio di rifiuti in accampamento rom di Scordovillo

manfredi

Paura per un bimbo scomparso in spiaggia nel Catanzarese, ritrovato dopo ricerche

Matteo Brancati

Coronavirus, fari accesi su emergenza sanitaria ma in Calabria “trema” l’Economia locale

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content