Catanzaro, straniero infastidisce passanti e danneggia auto Carabinieri

Carabinieri Catanzaro

Nei giorni scorsi, durante un servizio di controllo del territorio, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Catanzaro sono intervenuti in una nota piazza del corso principale del centro storico del capoluogo, ove era stato segnalato un giovane, probabilmente straniero, che inveiva e infastidita numerosi passanti senza alcun apparente motivo.

Immediatamente due pattuglie raggiungevano il luogo indicato, ove avevano modo di constatare la presenza di un giovane soggetto che si presentava in evidente stato di alterazione psicofisica. Lo stesso, identificato in O.B., 23enne marocchino, già noto alle Forze dell’Ordine per numerosi precedenti per reati vari, veniva effettivamente notato mentre inveiva ancora nei confronti di numerosi passanti e, in particolare, iniziava a scagliarsi verbalmente contro uno di essi, colpendolo improvvisamente al petto e al volto. Immediatamente, quindi, per evitare il degenerare della situazione, i militari dell’Arma si sono frapposti tra il passante e il marocchino, cercando di bloccare quest’ultimo che, agitandosi sempre di più, urlando e pronunciando una serie di frasi incomprensibili, emanava un forte odore di alcol. Il giovane, improvvisamente e inspiegabilmente, tentava numerose volte di colpire i militari con degli schiaffi. Durante queste prime fasi l’esagitato, continuando a inveire, contro i militari, con l’avambraccio colpiva intenzionalmente lo specchietto di una delle auto di servizio, danneggiandolo vistosamente e spezzandolo, fino a causarne il distacco.

Immediatamente due pattuglie raggiungevano il luogo indicato, ove avevano modo di constatare la presenza di un giovane soggetto che si presentava in evidente stato di alterazione psicofisica. Lo stesso, identificato in O.B., 23enne marocchino, già noto alle Forze dell’Ordine per numerosi precedenti per reati vari, veniva effettivamente notato mentre inveiva ancora nei confronti di numerosi passanti e, in particolare, iniziava a scagliarsi verbalmente contro uno di essi, colpendolo improvvisamente al petto e al volto. Immediatamente, quindi, per evitare il degenerare della situazione, i militari dell’Arma si sono frapposti tra il passante e il marocchino, cercando di bloccare quest’ultimo che, agitandosi sempre di più, urlando e pronunciando una serie di frasi incomprensibili, emanava un forte odore di alcol. Il giovane, improvvisamente e inspiegabilmente, tentava numerose volte di colpire i militari con degli schiaffi. Durante queste prime fasi l’esagitato, continuando a inveire, contro i militari, con l’avambraccio colpiva intenzionalmente lo specchietto di una delle auto di servizio, danneggiandolo vistosamente e spezzandolo, fino a causarne il distacco.

Nonostante ciò, il giovane marocchino manteneva un atteggiamento non collaborativo e continuava a spintonare i militari tentando di colpirli a calci.

Dopo i primi momenti concitati, i Carabinieri hanno immobilizzato il giovane, conducendolo in caserma per gli accertamenti del caso. Nel corso della colluttazione, due militari hanno riportato alcune contusioni e escoriazioni.

In ragione di quanto avvenuto, O.B. è stato quindi arrestato in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale e sottoposto momentaneamente alla misura degli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, al termine della quale è stato destinatario dell’obbligo di firma, con l’ulteriore divieto di allontanarsi da casa nelle ore serali e notturne.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
Il ministro Valditara parla di decisione presa "sia per questioni didattiche sia perché spesso l'utilizzo improprio è elemento di tensione"
"Dateci la possibilità di riunirci con le nostre famiglie - dice il 41enne siriano - per aiutarci a superare questa sofferenza"
A salvare da donna è stato un vicino di casa che ha sentito le urla ed ha scavalcato il cancello riuscendo a far allontanare il cane
L'incarico al presidente del Consiglio regionale calabrese. Il suo omologo del Lazio, Antonello Aurigemma, è invece il nuovo presidente
Diversi gli episodi raccontati dai due ragazzi che descrivono il padre come una persona assente e distaccata, dai comportamenti minacciosi che degeneravano in vere e proprie aggressioni fisiche
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved