Calabria7

Cattura latitante Gallace, il generale Cavallo: “Altro colpo al cuore della ‘ndrangheta”

cattura Cosimo Damiano Gallace

Il Comandante Interregionale dei Carabinieri, Gianfranco Cavallo, ha espresso oggi la più profonda soddisfazione per la cattura del super latitante Gallace Cosimo Damiano (LEGGI), storico capo della ‘ndrangheta di Guardavalle – località che purtroppo ricorda gli anni bui delle faide più sanguinarie e cruente dagli anni ‘60 fino a qualche anno fa in Calabria – frutto della grande professionalità dimostrata dai militari dei reparti speciali dell’Arma, che con perseveranza e grande capacità, hanno saputo infliggere un ulteriore durissimo colpo ai clan mafiosi calabresi.

E’ di appena qualche mese fa l’attacco dritto al cuore della ‘ndrangheta, sferrato dagli stessi Carabinieri in un’operazione congiunta del Ros coi Nuclei Investigativi di Locri e Torino, con la clamorosa cattura in Brasile del latitante Rocco Morabito, evaso dal carcere di Montevideo in Uruguay mentre scontava 30 anni di carcere per mafia.

“Sistema territoriale e di intelligence”

Il Generale Cavallo, nell’esprimere parole di grande plauso ai militari operanti, ha voluto sottolineare come questo ennesimo importante risultato dia ancora una volta merito ad un ormai collaudato “Sistema territoriale e di intelligence” sviluppato dall’Arma dei Carabinieri nella lotta alla mafia, abilmente coordinato dalla magistratura calabrese, che, facendo sentire sempre più forte la presenza dello Stato a salvaguardia della sicurezza collettiva, sta mettendo fortemente in discussione l’inafferrabilità dei grandi latitanti, ormai costretti nei loro bunker a cercare di tessere le trame dell’attività malavitosa.

LEGGI ANCHE | Cattura del latitante Gallace, il colonnello Di Costanzo: “Segno di forza dello Stato” 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Fannulloni d’oro, Costanzo: “Abramo ritratta, non avevamo dubbi”

manfredi

Detenzione di arma clandestina e ricettazione, il Tribunale di Vibo assolve Giofrè

Giovanni Bevacqua

Scoperto nel Catanzarese raro esempio di strada extraurbana risalente a 2.500 anni fa

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content